Rugani ha la valigia in mano: la Juve è pronta a salutarlo già a gennaio

I nuovi arrivati e il ruolo da centrale di Danilo hanno marginalizzato il difensore anche in questa stagione. Per questo la Juve cercherà una destinazione per lui, a un anno e mezzo dalla scadenza del contratto

Sulla falsariga degli ultimi anni, delle tante sessioni di mercato che lo hanno visto in cima alla lista dei possibili partenti, il nome di Daniele Rugani tornerà d’attualità anche a gennaio prossimo, quando il difensore della Juve si ritroverà a un anno e mezzo dalla scadenza del suo contratto. L’arrivo di Bremer e Gatti la scorsa estate e ancora l’utilizzo di Danilo sempre più da centrale lo hanno tenuto sempre più in basso alle gerarchie, tanto da essere il calciatore della rosa con meno presenze (3) fino a questo momento insieme a Chiesa e Iling-Junior. La differenza con gli attuali compagni di viaggio è abbastanza evidente: mentre i due giovani sono attesi da protagonisti nella seconda parte di stagione, il centrale fatica ad entrare nei radar di Allegri. Che lo ha sempre considerato un semplice gregario.

LA SCORSA ESTATE

—  

Rugani ha un contratto fino al 2024, ma un ingaggio inaccessibile a buona parte della Serie A. L’estate scorsa i bianconeri lo avrebbero piazzato altrove, ma non hanno trovato sponde utili nonostante l’ampio interesse per lui. Empoli, Sampdoria, Hellas Verona e timidamente anche il Bologna si erano fatte avanti, ma potendo riconoscere solo una parte dell’ingaggio di 3 milioni e mezzo. La Juve era pronta a cederlo in prestito per un anno solo per il pagamento dell’intero stipendio, come avrebbe fatto il Galatasaray se solo il difensore avesse accettato di trasferirsi all’estero. In assenza di soluzioni interessanti, Allegri e la dirigenza hanno deciso di tenerlo in rosa, con il solito ruolo di eterna riserva che non rende onore alle sue qualità e col passare degli anni lo ha messo in ombra.

IL PIANO JUVE

—  

A metà stagione, nell’idea di valorizzarlo per provare a cederlo definitivamente la prossima estate (un anno prima della scadenza), la via delle cessione temporanea potrebbe riaprirsi con maggiore convinzione, riaccreditando quei club che ora potrebbero prenderlo alle condizioni richieste qualche mese fa e magari, adesso, hanno più esigenze di classifica rispetto a come immaginato a luglio scorso. Rugani ha già vissuto un finale di stagione caldo al Cagliari, nel 2021, dopo una breve e sfortunata esperienza all’estero nel Rennes. A gennaio potrebbe ritrovarsi a fare di nuovo le valigie per una nuova esperienza, così da rilanciarsi e dimostrare di poter meritare una maglia da titolare nel nostro campionato, dove troppe volte è stato descritto come una promessa mancata.

Precedente Musah, dal Valencia di Gattuso al fascino dell’Italia Successivo La lotta salvezza quasi non c’è più, ma gli esoneri non arrivano: ecco perché

Lascia un commento