Ruffini, il signor Moncler: “Amo il dna dei nerazzurri. C’è in Dimarco, Barella e Bastoni”

Oggi festa a San Siro per il piumino dedicato all’Inter nel 70ennale del brand: “Un omaggio alla mia passione. Zhang bravo a vincere in un mondo non suo”

Filippo Conticello

9 novembre – Milano

Da Onana a Lautaro, tutti verso il Bologna con giacca e sciarpa disegnate da una leggenda della moda: Remo Ruffini, presidente e a.d. di Moncler, interista di cuore e partner del club dal 2021, ha inserito i “suoi” nerazzurri nelle feste per i 70 anni dell’azienda. Oggi viene presentato a San Siro il capo in edizione limitata e, in un giorno assai delicato, è un augurio di bellezza anche per Inzaghi.

Dottor Ruffini, cosa significa per lei questa ricorrenza e quale è la sfida per i prossimi 70 anni?

“Moncler nasce nel 1952 dal legame con la montagna, e negli ultimi 20 anni, è atterrata felicemente in città. Ora festeggiamo in un mondo cambiato, oggi nel lusso il consumatore vuole più un’esperienza che un prodotto. La sfida futura sarà trasformare ciò che viviamo in negozio o allo stadio nel digitale. O, chissà, nel metaverso”.

La parola “lusso” rimanda forse a un mondo esclusivo: come si coniuga col calcio, inclusivo e popolare per definizione?

“Cosa c’entra Moncler col calcio? Forse niente, ma la contaminazione di culture diverse genera emozioni. Poi per esistere, il lusso deve essere sempre più inclusivo. Tra l’altro, ho sempre visto l’Inter come un marchio sofisticato, diverso da altre squadre, eppure resta un club che unisce, include, porta 80mila persone a San Siro”.

Cosa significa “Inter” per lei?

“Una passione enorme fino a 25 anni, poi ho avuto meno tempo… Sono legato al ricordo di Altobelli e Rummenigge: molti dei calciatori di quegli anni abitavano nella mia zona, vicino al lago di Como. Li beccavo in un ristorante che era un vero covo di interisti”.

Come nasce, invece, questo piumino celebrativo?

“Per aver rilevanza nel mondo digitale devi fare esperienze fisiche importanti, come questa: sarà bello vedere arrivare i giocatori con questo capo. L’ho disegnato direttamente io ed è stato un ritorno alle passioni giovanili: ho ripensato alla voce di Ciotti e Ameri in radio e a me 18enne con la portiera aperta per ascoltare l’Inter…”.

L’evento cade nella giornata in cui l’Inter incrocia il Bologna, l’incubo dell’anno passato…

“E io torno allo stadio dopo il derby della doppietta di Giroud… Speriamo che questo evento faccia dimenticare i brutti ricordi dello scudetto perso e aiuti a superare anche la sconfitta con la Juve”.

Ci racconti un po’ il rapporto col presidente Steven Zhang.

“Ci siamo conosciuti a un nostro evento, aveva addosso un Moncler di due anni prima: amava già allora il marchio! Col tempo è nato un rapporto più di collaborazione e amicizia che sponsorizzazione: noi stiamo ai confini del campo, sentiamo il profumo dell’erba senza entrarci. Anche quello di Steven è un incrocio di culture, non certo facile. Lui è curioso, appassionato di moda e di Italia, ma arriva da un altro mondo. È entrato in un settore difficile ed è stato bravo a vincere. A dare valore”.

Si aspetta una sua presidenza di lungo o breve periodo?

“Mi limito a dire che ha fatto un ottimo lavoro. Se rimarrà a lungo, non si può che essere contenti: a parte qualche sconfitta quest’anno, i risultati sono evidenti”.

Un allenatore in campo disegna una squadra come un vestito: che tipo di stilista è Inzaghi?

“È un uomo elegante, gli piace molto il bel gioco. In fondo, ogni azienda ha sempre due strade: o vendere in qualunque modo o provare a farlo facendo divertire il consumatore. Certo, poi tutti dobbiamo portare i risultati agli investitori, ma a me piace chi insegue il bello. E mi piace una squadra con giocatori profondamente interisti, come Dimarco, Bastoni e Barella: rappresentano al meglio la “marca” Inter, l’identità profonda. Quel senso di famiglia che fa la differenza in un’azienda”.

Oltre al calcio, che altri sport la appassionano?

“Beh, lo sci: ora Sofia Goggia ha dato una grande mano a chi lo ama come me. Mi sono emozionato col Mondiale vinto da Bagnaia in Ducati e mi piace la nuova F1: Domenicali ha ridato energia a uno sport che pareva finito”.

Non ha citato il tennis, nonostante una ex campionessa sieda nel suo cda…

“Beh, io giocavo a squash e lo sa bene la mia schiena… In realtà sono felicissimo di accogliere in consiglio gente da mondi diversi come Maria Sharapova: lei ha conquistato col risultato e la tenacia, ma pure con la femminilità. E ha il talento di chi sa comunicare” .

Il suo socio Carlo Rivetti di Stone Island è presidente di una squadra: pure lei tifa Modena?

“Moltissimo nella cavalcata dalla C. Carlo ha fatto un lavoro eccezionale, si è dedicato anima e corpo coi figli in questo progetto, ed è in linea con i piani pure in B”.

Precedente Dalla Francia: il Milan ha in pugno il portiere 2005 Raveyre. Ha già esordito in Ligue 2 Successivo Juve, Milik contro il Verona è una certezza: le quote sulla combo marcatore

Lascia un commento