Roma, tocca a Kumbulla titolare: il Genoa e poi la Fiorentina

ROMA – Finalmente titolare, per due volte di fila. Marash Kumbulla esce dal pozzo dei dimenticati e si gioca una doppia occasione per salire di grado. Stasera giocherà al posto di Smalling, che ha bisogno di fermarsi per non fare arrabbiare il proprio corpo, domenica dovrebbe sostituire Ibañez che è stato ammonito contro il Milan e sarà stoppato dalla squalifica.

Roma-Genoa, la probabile formazione di Mourinho

Guarda la gallery

Roma-Genoa, la probabile formazione di Mourinho

Disponibilità

Fin qui la stagione è stata piena di notizie negative: soltanto 49 minuti giocati, con la beffa della partita contro il Monza. Scelto da Mourinho come titolare, sempre al posto di Smalling, fu costretto a uscire dopo 28 minuti per una lesione muscolare. Da quel momento, tra l’infortunio e le preferenze dell’allenatore, in campionato è riapparso per soli 2 minuti contro il Lecce. In assoluto, esclusi gli impegni della nazionale albanese di novembre, è spettatore di partite dal 27 ottobre, quando gli sono stati concessi altri 6 minuti a Helsinki. Ciononostante non ha mai protestato, ha sempre lavorato duro in allenamento, meritandosi la stima di Mourinho che lo scorso anno sul suo conto aveva dichiaratamente cambiato idea: dopo averlo etichettato come un difensore immaturo, lo ha rivalutato proprio grazie all’atteggiamento mostrato ogni giorno a Trigoria. 

La Roma verso la Coppa Italia: Belotti con il tutore, Solbakken pronto

Guarda la gallery

La Roma verso la Coppa Italia: Belotti con il tutore, Solbakken pronto

La condizione

Fisicamente Kumbulla sta bene. Ma ha bisogno di sgranchirsi le gambe in partita per ritrovare la migliore condizione atletica. Non è facile per un ragazzo alto 1.91 entrare subito in forma. Il rodaggio contro il Genoa potrebbe servirgli come prova generale in vista della Fiorentina, anche se Mourinho in questa seconda stagione alla Roma lo ha sempre visto come vice Smalling. In mancanza di Ibañez invece ha fatto giocare Viña come centrale sinistro. Intanto Kumbulla giocherà in Coppa Italia. Se dimostrerà il suo valore, che è innegabile, può essere confermato anche domenica in campionato. 

La Roma non si ferma: subito in campo per preparare la Coppa Italia

Guarda la gallery

La Roma non si ferma: subito in campo per preparare la Coppa Italia

Il futuro

Per la società, e in particolare per Tiago Pinto, resta un patrimonio da tutelare. Comprato per quasi 30 milioni di valutazione dal Verona nell’estate 2020, è stato di fatto il primo acquisto della gestione Friedkin. Nelle prime due stagioni ha chiuso con un bilancio soddisfacente, 28 presenze con Fonseca e altrettante con Mourinho, mentre adesso è in ritardo sulla tabella di marcia. Ma non sarà ceduto nel mercato di gennaio, a meno che non arrivi un’offerta stratosferica che sembra fuori contesto. Sicuramente la Roma non ha interesse a cederlo in prestito. E lui non ha intenzione di spostarsi per andare in una squadra meno prestigiosa, dove pure giocherebbe molto di più. Ha scelto la Roma per mettersi alla prova e ha ancora tempo per dimostrarsi all’altezza della sfida: l’8 febbraio compirà 23 anni, che nella media dei difensori di Serie A lo includono ancora nella categoria dei giovani. A giugno poi si tireranno le somme, a seconda delle necessità del bilancio e delle esigenze del giocatore. Ma non è il momento di guardare così lontano: oggi per Kumbulla c’è soltanto il Genoa. 

La Roma festeggia Dybala campione del mondo

Guarda il video

La Roma festeggia Dybala campione del mondo

Precedente Romero e la Lazio: ultimo vertice prima della firma Successivo Probabili formazioni Napoli Juventus/ Diretta tv: Milik è il grande ex! (Serie A)

Lascia un commento