Roma, Strootman torna da ex: “L’Olimpico è casa mia”

ROMA«Tornare all’Olimpico è sempre una cosa speciale per me». Dieci anni fa, per la prima volta, il nome di Kevin Strootman compariva sul telefono di Walter Sabatini. L’allora direttore sportivo della Roma conosceva quel centrocampista olandese, di neppure 23 anni, che piaceva a mezza Europa e sapeva bene che se voleva portarlo a Trigoria aveva un solo alleato: il tempo. Gli avevano raccontato che Strootman era un ragazzo intelligente, sensibile e che prima di lasciare l’Olanda per tentare l’avventura in Premier avrebbe voluto una tappa intermedia. L’Italia gli sembrava la destinazione perfetta. I primi contatti iniziarono, appunto, nel gennaio del 2013, il 19 luglio l’acquisto divenne ufficiale.  

La Roma verso la Coppa Italia: Belotti con il tutore, Solbakken pronto

Guarda la gallery

La Roma verso la Coppa Italia: Belotti con il tutore, Solbakken pronto

Dieci anni fa

Strootman arrivò a Fiumicino accolto da tifosi e giornalisti. Camicia jeans, zaino sulle spalle, era insieme alla fidanzata Tara che, negli anni, gli avrebbe regalato due figlie, la prima nata proprio a Roma nel 2018, pochi giorni prima della partenza direzione Marsiglia. Kevin considera la città di nascita sulla carta d’identità di Jonah un grande regalo perché gli ricorda non solo la squadra con cui ha giocato più partite (131) e una semifinale di Champions, ma anche una tifoseria che lo ha amato incondizionatamente. Chiese, con rispetto e discrezione, la maglia numero 6, che il club aveva ritirato 10 anni prima con l’addio di Aldair e gli venne concessa non solo per le sue qualità fisiche (straordinarie) e tecniche (un mancino tanto potente quanto educato), ma anche per un carattere fuori dal comune.

I tre nodi che frenano la Roma sul mercato

Il calvario

Se non lo avessero tradito le ginocchia, con le tre operazioni al sinistro e tanti problemi alle cartilagini, Strootman sarebbe diventato uno dei migliori centrocampisti d’Europa. Lo sanno i suoi compagni, i suoi allenatori, i suoi avversari: «Uno così – disse Francesco Totti – io l’ho visto poche volte». La scelta di operarsi in Olanda la prima volta non l’ha aiutato, la sfortuna gli ha presentato un conto salatissimo e quando è andato al Marsiglia, che poi l’ha prestato a Genoa e Cagliari, non è più riuscito ad essere devastante.

Il primo saluto

Stasera con il Genoa torna all’Olimpico e sarà speciale. Nel 2021, quando aveva rimesso piede in quello che era stato il suo stadio per cinque anni, non c’erano i tifosi, stasera ce ne saranno 60mila ed è possibile, probabile, che gli arrivi un caldo abbraccio. «L’Olimpico è casa mia – ci ha scritto -. Solo per questa volta lo vivrò da ospite ma spero di essere il benvenuto. Ho vissuto cinque anni con alti e bassi a Roma ma ho sempre sentito il sostegno dei tifosi quando sono entrato in campo con la maglia giallorossa». Da quando è andato via in lacrime, prendendosi la responsabilità di una cessione che non aveva chiesto, non ha mai avuto modo di rivedere i romanisti e quindi, Coppa Italia a parte, spazio alle emozioni. Le stesse che provò dieci anni fa quando Sabatini gli disse: «Vedrai, a Roma ti ameranno». L’amore c’è stato ed è stato immediato. Reciproco. Per questo non avrebbe meritato di essere salutato come uno dei tanti, come uno di quelli che, parole di un vecchio dirigente giallorosso: «Non era poi così importante. Tanto noi abbiamo Coric…».  

La Roma festeggia Dybala campione del mondo

Guarda il video

La Roma festeggia Dybala campione del mondo

Precedente Pedro, il rinnovo con la Lazio ora è un mistero Successivo Spalletti contro Allegri: Napoli-Juve è quasi una guerra di religione

Lascia un commento