Roma, Spalletti deciderà a marzo. E Pallotta dà l'ok

Roma
Roma, Spalletti deciderà a marzo. E Pallotta dà l'ok
© ANSA

Rinnovo congelato, influirà anche l’Europa League

<a class="button small twitter" href="https://twitter.com/share" data-text="

Rinnovo congelato, influirà anche l’Europa League

“>Twitta

Sullo stesso argomento

ROMA – C’è l’ok di James Pallotta. La questione del contratto di Spalletti, che tiene in sospeso la programmazione della Roma, verrà congelata in attesa di tempi più consoni che le parti hanno indicato nel mese di marzo.

SPALLETTI: «CHE FORTE FAZIO!»

I COLLOQUI – E’ stato lo stesso Spalletti a definire l’agenda: «Se ci saranno le condizioni per continuare, firmerò a due mesi dal termine della stagione». Non sarà quindi il bilancio consuntivo a orientare le decisioni sul futuro. Spalletti vuole capire se la società e la squadra, con il suo contributo e sotto la sua responsabilità, abbiano le potenzialità per migliorarsi. In questo senso il mercato di gennaio gli servirà come indicazione. Dai dirigenti Spalletti ha avuto rassicurazioni sulle intenzioni di far crescere la rosa, sia pure restando all’interno dei parametri del fair play finanziario che entro il 30 giugno 2018 obbliga il club a raggiungere il pareggio di bilancio: fondamentale però sarà rientrare in Champions League, perché i costi del personale (e quindi dei calciatori) sono tarati su un fatturato che superi i 200 milioni di euro, come è accaduto nell’ultimo bilancio. Una strada, oltre al campionato, può essere l’altra competizione, l’Euroleague, che la Roma ritiene determinante per la propria crescita strutturale e politica. I dirigenti hanno chiesto ai giocatori di non trascurarla e per assurdo sono stati contenti del sorteggio, che costringerà da subito la squadra a dare il massimo per eliminare il Villarreal.

Leggi l’articolo completo sull’edizione odierna del Corriere dello Sport

Precedente Juve, Witsel il primo snodo. N’Zonzi più di Tolisso Successivo Samp, svolta a destra: c’è Bereszynski