Roma, per Pedro è l'ultima chiamata

Ultima chiamata per Pedro. Lo spagnolo è la brutta copia del giocatore brillante che si era presentato a inizio stagione. Da mesi non lascia più il segno, continua il periodo di involuzione dell’attaccante, che non è più sicuro della conferma, nonostante un contratto da tre milioni l’anno fino al 2023. Fonseca si aspettava di più, ma è obbligato a puntare su di lui, considerata l’assenza di Mkhitaryan. Nelle ultime partite il suo rendimento è stato insufficiente, nel 2021 ha segnato un solo gol, quello inutile del 14 febbraio contro l’Udinese. All’inizio della stagione, nel 2020 era andato a segno quattro volte. Per salvare la stagione la Roma non può sbagliare e Fonseca contro l’Ajax si affida all’attacco vintage. Pedro e Dzeko, 68 anni in due, entrambi sono alla ricerca del gol perduto. Edin negli ultimi giorni ha ritrovato il sorriso. Forse perchè ha capito che lo scenario tecnico sta cambiando e per lui il futuro è più luminoso. Dzeko è ancora il capitano della Bosnia e il pilastro dell’attacco della sua Nazionale.

Pedro per anni trascinatore

Pedro è stato per anni uno dei trascinatori nei grandi successi internazionali della Spagna. Altri tempi rispetto al presente, un giocatore che galleggia tra campo e panchina e che ha avuto da ridire con Fonseca per qualche sostituzione inevitabile. Stasera il tecnico portoghese si affi da ancora a lui. In palio il futuro, non solo la qualifi cazione in semifi nale. Dopo venticinque titoli conquistati in carriera, Pedro sembra aver smarrito quella voglia di vincere che ha contrassegnato la sua stagione appena arrivato alla Roma.

Delusione

Era stato il fiore all’occhiello di una campagna acquisti necessariamemte low cost, il giocatore che aveva acceso la fantasia dei tifosi. Tre gol e tre assist nei primi sette turni di campionato, un impatto subito positivo con l’ambiente. Aveva conquistato i tifosi parlando di scudetto e di trofei da conquistare, ma presto si è accorto che la realtà era ben altra. Dopo l’espulsione contro il Sassuolo, un girone fa, la sua stagione è cambiata e Pedro deve ancora ritrovarsi, dopo qualche infortunio e tanta panchina. Gli attriti con Fonseca sono stati evidenti, ripresi dalle telecamere al momento delle sostituzioni. Nel 2021 un solo gol in tredici partite, troppo poco per uno come lui che era stato acquistato a parametro zero dal Chelsea per fare la differenza.

Tutti gli approfondimenti sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola

Precedente Fiorentina, Castrovilli oltre la salvezza Successivo TMW - Crotone, Simy: "Classifica difficile, la palla pesa di più. Ma sono molto concentrato"

Lascia un commento