Roma, Oliveira stuzzica con rigori e piazzati: la sua gestione

Il nuovo centrocampista dei giallorossi rappresenta un’opzione interessante: costa 20 crediti e può portare qualche bonus

Nuovo rinforzo per la Roma. Dopo l’ingaggio di Ainsley Maitland-Niles – che ha già debuttato contro la Juventus – la formazione giallorossa puntella il centrocampo con il calciatore portoghese Sergio Oliveira.

Un centrocampista dal gol facile

—  

Secondo acquisto in questa sessione invernale per la Roma di Mourinho che, stavolta, pesca a casa sua, in Portogallo. Sergio Oliveira (ruolo centrocampista – 20 crediti) è il nuovo volto della mediana giallorossa. Un profilo esperto, classe 1992, che proviene dal Porto dove ha segnato parecchio (39 gol) giocando a più fasi con i “Dragoes”. In carriera, infatti, Oliveira ha già vissuto anche al di fuori della terra lusitana giocando in Francia, Belgio e Grecia con Nantes, Mechelen e Paok Salonicco, senza dimenticare le precedenti esperienze con Beira-Mar e Penafiel. Un calciatore, quindi, già “fatto” e finito per i giallorossi che implementano il proprio potenziale offensivo, dato che Oliveira è un centrocampista dal vizietto del gol.

Rigori e piazzati

—  

Lo scorso anno si era messo in luce in Champions League realizzando cinque reti, due di queste alla Juventus nella gara di ritorno che ha sancito l’inaspettata e clamorosa eliminazione dei bianconeri. Rigorista dalla grande percentuale di realizzazione (16 messi a segno su 18 calciati) e tiratore di calci piazzati, troverà pane per i suoi denti tra le file dei giallorossi lottando con Veretout e Pellegrini. A livello di titolarità prenderà il posto di Cristante o Mkhitaryan, molto dipenderà dall’assetto tattico scelto da Mourinho. Di certo, arriva a Roma per essere una delle prime opzioni del centrocampo e, alle brutte, può anche piazzarsi sulla trequarti avanzando il proprio raggio di azione. Un calciatore, quindi, molto funzionale al gioco di Mourinho e che potrebbe dare una mano in ottica fantacalcio. Sicuramente, da prendere all’asta di riparazione, lo consideriamo come un quinto slot in leghe a otto partecipanti, uno dei primi da prendere in leghe numerose. L’unico freno può essere solo legato all’ambientamento al calcio italiano, ma tra titolarità e bravura nei piazzati può diventare una ‘rivelazione’ dei prossimi sei mesi giallorossi. Con Veretout che perderebbe appeal rispetto ad inizio stagione…

Precedente Danilo Petrucci/ "Non ho più un arto sano dopo Dakar, ho rotto tutto" Successivo Szczesny, è arrivato il super green pass: l'iter per il rientro dopo il vaccino

Lascia un commento