Roma, Olimpico caldo e il ritorno di tre big per battere il Bayer

Il treno che corre a trecento all’ora verso casa, il pensiero che vola anche più veloce alla semifinale di giovedì. Roma-Bayer Leverkusen, atto secondo: mancano tre giorni ma è come se De Rossi fosse già proiettato sulla partita più importante. È vero, ce ne sono stati altri di momenti decisivi in cui il destino della squadra poteva cambiare. In Italia e in Europa. Ma arrivati a questo punto, esattamente come nel 2023, tutti a Trigoria meditano l’impresa: eliminare un avversario che non ha perso neanche una partita in questa stagione e che anche sabato, da campione di Germania acclarato, è andato a pareggiare al settimo di recupero contro lo Stoccarda. Così, tanto per non perdere l’abitudine all’imbattibilità. Sono 46 partite ormai, con 29 reti segnate dal minuto 80 in poi e 15 dopo il 90′. Meglio non credere mai che sia fatta contro il Bayer Leverkusen, ma è altrettanto opportuno ritenere che il traguardo, la finale di Dublino, sia umanamente raggiungibile.

Roma, la gestione di De Rossi

Il pareggio di Napoli ha lasciato un pizzico di delusione, confermando il momento poco brillante della squadra. La sconfitta contro il Bologna era stata un’avvisaglia: la stanchezza comincia a farsi sentire. Purtroppo De Rossi non ha potuto far riposare nessuno in una partita fondamentale per la classifica e rispetto al Bayer Leverkusen, per i noti motivi, ha dovuto giocare un giorno dopo. Non è bastato cambiare otto undicesimi della formazione rispetto allo spezzone infrasettimanale di Udine. Mancini soffriva ma non poteva fermarsi visto che Llorente era squalificato e Smalling infortunato. Dybala ha fatto altri 90 minuti più recuperi. Pellegrini idem. Per fortuna, come l’allenatore ha chiarito nelle interviste, giovedì tornerà Lukaku, oltre a Smalling. L’ex Azmoun e Abraham hanno dato un contributo prezioso al Maradona ma il centravanti titolare è un terminale di gioco irrinunciabile per la Roma. L’altra ragione per essere ottimisti è il ritorno di Paredes dalla squalifica: un palleggiatore con il suo talento e la sua esperienza può essere fondamentale in una semifinale europea.

Olimpico caldo per il Bayer Leverkusen

Per il primo round naturalmente è previsto il tutto esaurito, almeno sul fronte dei romanisti. Siamo a 55 consecutivi dopo il Covid. Non si arriverà però a 65.000 spettatori perché non tutti i biglietti riservati ai tedeschi, nei Distinti Nord, sono stati acquistati. Intanto oggi parte (e finisce di sicuro) sul web la distribuzione per la semifinale di ritorno, giovedì 9 maggio alla Bay Arena. Sono circa 1.500 i biglietti destinati al settore ospiti e verranno spazzolati in pochi minuti dai pochi fortunati tra gli abbonati che in prelazione riusciranno a comprarli. In bocca al lupo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Cuadrado, saltelli anti Juve: la festa per lo scudetto e i 149 minuti in campo Successivo Roma, il marchio DDR regge anche nelle difficoltà