Roma, la priorità è un centrocampista: Zakaria nel mirino. E sul ritorno di Pjanic…

Il tecnico giallorosso, contro la Fiorentina, ha fatto esordire nel finale il 19enne Bove. Un messaggio indiretto piuttosto chiaro: in mezzo serve un’altra pedina

Il segnale è arrivato chiaro e tondo domenica scorsa, quando al momento di cambiare Jordan Veretout, nel finale della gara contro la Fiorentina, Mourinho si è voltato verso la panchina ed ha chiamato Edoardo Bove. Il più giovane tra i centrocampisti a sua disposizione, appena 19 anni. No Villar e neanche Diawara, impossibile farlo con Darboe (che era già stato mandato in tribuna), ma piuttosto Bove, che sulla carta è la sua sesta scelta tra i centrocampisti centrali. Così Bove – che a Mourinho in verità piace tantissimo – ha giocato gli ultimi dieci minuti della prima partita ufficiale di Mou all’Olimpico, recupero incluso. Ma il messaggio indiretto sembra abbastanza chiaro: in mezzo serve un altro centrocampista, cosa peraltro che l’allenatore portoghese non ha mai nascosto.

La situazione

—  

L’obiettivo numero uno di Pinto è Denis Zakaria, per cui il Borussia Moenchengladbach vuole 20 milioni di euro. Pinto ci sta lavorando da un po’, dopo che per mesi ha inseguito invano Granit Xhaka, un altro svizzero, l’attuale capitano dell’Arsenal. Zakaria ha 24 anni, è un gigante di quelli che recupera mille palloni, copre le linee difensive e sa ripartire, con degli strappi palla al piede che a volte mettono paura. L’ideale per il gioco di Mou, fatto anche di ripartenze e verticalità. Negli ultimi giorni, però, Zakaria ha abbandonato i suoi procuratori (l’agenzia della Lian Sports) per affidarsi ad alcuni familiari, cosa che fa pensare che ci possa essere stato un riavvicinamento con il club tedesco per un rinnovo contrattuale. Pinto e Mourinho avevano puntato lui anche per questo, perché avendo il contratto in scadenza c’era anche la possibilità di strappare un prezzo migliore rispetto a quei 20 milioni di euro chiesti dalle parti della Renania. Così, dovesse saltare anche la pista che porta a Zakaria Pinto potrebbe virare su Douglas Luiz dell’Aston Villa. Che però è un giocatore profondamente diverso da Zakaria, a cui invece assomiglia molto di più Anguissa, il giovane camerunense del Fulham. Complicato, invece, che alla Roma possa tornare Miralem Pjanic, che muore dalla voglia di tornare alla Roma ma che guadagna cifre molto alte per la Roma. E che per di più non ha la fisicità che vuole Mourinho in quella casella lì.

Precedente Sette colpi in otto giorni: da Pinamonti a Pjanic, ecco lo sprint finale di mercato Successivo F1, TOTO WOLFF HA FATTO INSIDER TRADING?/ Gli investimenti "sospetti" su Aston Martin

Lascia un commento