Roma, i calci piazzati sono la risorsa in più: 18 gol da palla inattiva

ROMA – Abraham, venti gol, gli altri attaccanti diciotto. In totale. Mourinho si aggrappa al centravanti inglese per segnare e trovare punti importanti per il campionato ma anche per andare avanti in Conference League. Serve una scossa da parte dell’attacco, per non dipendere soltanto dal centravanti inglese e dai gol degli altri reparti. La Roma ha un’arma in più per segnare e sono le palle inattive, quelle che finalmente la squadra a differenza delle altre stagioni è riuscita a sfruttare portando gol e tanti punti in classifica. Mourinho dal primo giorno di ritiro ha spinto molto su questa soluzione, ha lavorato in allenamento per riuscire a concretizzare le numerose occasioni che durante la partita arrivano dai calci d’angolo, dalle punizioni dirette e quelle indirette. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti. La Roma ha realizzato ben 18 gol da palla inattiva tra campionato, Conference League e coppa Italia. Numeri importanti, che hanno aiutato la Roma nella qualificazione alla fase finale della competizione europea e a risalire la classifica dopo un periodo di risultati altalenanti. Nel momento del bisogno è arrivato il calcio d’angolo, la punizione calciata direttamente in porta, o un assist da calcio piazzato che ha portato punti importantissimi per rimanere agganciati al treno Champions.

Quattordici gol sono arrivati dagli sviluppi del calcio d’angolo, finalmente battuti bene dopo i tanti sprecati la scorsa stagione. Tanti gol dai difensori: tre di Ibanez, due di Smalling e uno di Kumbulla. Ai loro si aggiungono i tre del solito Abraham, poi uno a testa per Shomurodov e Cristante e, sugli sviluppi di un corner, i gol di Volpato, Bove e Sergio Oliveira. Due gol invece su calcio di punizione diretta realizzati splendidamente da Lorenzo Pellegrini contro Cagliari e Juventus. Per finire le due reti su punizione indiretta, una realizzata da Cristante, l’altra invece a Bergamo da Smalling. I numeri confermano l’efficacia del lavoro di Mourinho per trovare gol con questa soluzione. Su 46 gol segnati in campionato, ben 14 sono arrivati da palla inattiva. Nessuno ha fatto meglio in Serie A: 12 realizzati dalla Sampdoria (che ha la percentuale più alta), 11 dall’Inter, 10 invece da Bologna, Udinese, Napoli e Milan. Aspettando gli altri attaccanti, la Roma ha un’arma in più per trovare gol preziosi anche in questo finale di stagione.

Pellegrini salva la Roma al 94': con l'Udinese finisce 1-1

Guarda la gallery

Pellegrini salva la Roma al 94′: con l’Udinese finisce 1-1

Precedente Roma-Lazio si avvicina. Le mosse di Mourinho e Sarri verso il derby Successivo Lazio, Pedro carico per il derby: “Avanti così”