Roma, difesa nel mirino. A Mou serve un centrale?

L’anno scorso il reparto ha subito 1,47 gol a partita. Domani la sfida con la Ternana potrebbe già dare indicazioni utili al tecnico, che nella prima uscita ha schierato le coppie Mancini-Kumbulla prima e Smalling-Ibanez poi

Tra le tante mosse di mercato che attendono ancora la Roma, c’è un punto interrogativo che incombe sui giallorossi. Ed è quello che riguarda la difesa, con Mourinho che vuole capire che tipo di affidabilità ha davvero la retroguardia che dovrà tutelare Rui Patricio da rischi e avversari. Già, perché nella scorsa stagione il reparto arretrato fu quello finito sotto accusa, con ben 78 gol subiti nelle 53 partite disputate, con una media di 1,47 a partita (calcolando i due 0-3 a tavolino, a fronte di 4 gol reali subiti). Francamente troppi per una squadra che aspirava alla Champions. E che aspira adesso a tornarci da subito.

la situazione

—  

In tal senso, ovviamente il test con il Montecatini (squadra di Eccellenza toscana) lascia il tempo che trova, considerando il modesto valore degli avversari. La difesa giallorossa non è mai stata impegnata, di fatto. Diverso, invece, sarà il test di domani, quando a Trigoria (sempre a porte chiuse) arriverà la Ternana di Cristiano Lucarelli, appena promossa in Serie B dopo una stagione trionfante in C. È chiaro che si parla sempre di avversari di rango inferiore, ma intanto qualche risposta più effettiva Mourinho potrà iniziare ad averla. Anche per capire se sul mercato bisognerà cercare pure un centrale difensivo o meno. Contro il Montecatini il portoghese ha schierato nel primo tempo Mancini e Kumbulla, nella ripresa Smalling e Ibanez, di fatto dividendo i due più forti (Mancini e Smalling), quelli che dovrebbero andare a comporre la coppia titolare, almeno sulla carta.

DUBBI

—  

I dubbi in casa giallorossa sono però legati alla tenuta fisica di Smalling, con quel ginocchio e quella cartilagine che lo scorso anno lo hanno messo praticamente quasi sempre fuori causa. E alla crescita ed alla maturazione definitiva di Ibanez e Kumbulla. Se i due dimostreranno quei segnali di crescita che tutti si aspettano, allora la Roma può anche dormire sonni tranquilli, altrimenti inevitabilmente ci sarà da fare alcune valutazioni. La Ternana, è ovvio, non può darci risposte assolute, in tal senso. Ma può iniziare a fornire indicazioni importanti. Quelle che si aspetta Mourinho fin da domani pomeriggio.

Precedente Giroud entusiasta del Milan: "Fiero delle mie origini italiane, non vedo l'ora di iniziare" Successivo Chi torna, chi (non) esce, chi aspetta: Juve, la partita del quarto difensore è aperta

Lascia un commento