Roma, Bereszynski l’alternativa a Dalot. Alla Samp piacciono due giallorossi

ROMA – La scelta sul terzino destro è tutt’altro che chiusa, Diego Dalot è un’operazione complicata da portare a termine. Il Manchester United è un osso duro, la Roma non lo scopre oggi ma ha già dovuto fare i conti con le richieste onerose del club inglese nel turbolento passaggio di Smalling in giallorosso, una stagione fa. Il terzino portoghese nonostante la volontà di sbarcare nella capitale rischia di rimanere a scaldare la panchina dell’Old Trafford fino a giugno: lo United infatti al momento non è intenzionato a lasciarlo partire con la formula del prestito con diritto di riscatto, ma vorrebbe un obbligo addirittura oltre i dieci milioni di euro. Troppo secondo la Roma per un giocatore con il contratto in scadenza nel 2023 e che è totalmente fuori dai piani del Manchester con soli 316 minuti giocati in questa stagione.

Roma, piace Bereszynski. La Sampdoria punta Villar e Calafiori

Tiago Pinto continuerà a provarci ma intanto si è già tutelato con Bartosz Bereszy?ski, individuato come il profilo ideale nel rapporto qualità-prezzo per fare da vice Karsdorp da gennaio alla fine della stagione. Per una cifra vicina ai sei milioni l’affare si può chiudere con un prestito con diritto di riscatto, oppure con l’inserimento (in prestito) di un giovane della Roma come Calafiori (che troverebbe poco spazio col ritorno di Spinazzola) o Villar. Entrambi profili che interessano al club blucerchiato.

Roma, svelata la terza maglia: ecco tutti i dettagli

Guarda la gallery

Roma, svelata la terza maglia: ecco tutti i dettagli

Precedente Bologna, ultimo giorno senza i nazionali. Solo De Silvestri out Successivo Lazio, Immobile alza bandiera bianca: niente Juve

Lascia un commento