Roma, attacco e difesa sono completi, l’incognita è il centrocampo

Due giocatori per ruolo, anzi qualcosa di più. Con i movimenti di gennaio la Roma non è improvvisamente diventata una squadra da scudetto ma è sicuramente più omogenea: considerando che in estate era stata costruita per giocare con il 3-5-2, i due rinforzi ottenuti da De Rossi negli ultimi giorni di gennaio possono favorire la definitiva virata sul 4-3-3. O sul 4-3-1-2 quando Abraham, che al nuovo allenatore piace moltissimo, tornerà al cento per cento dopo il terribile infortunio di inizio giugno.

Roma, Baldanzi come vice Dybala

La Roma è completa in difesa dove i centrali saranno addirittura cinque quando Smalling avrà risolto i problemi al ginocchio. Angeliño era esattamente il mancino di fascia che mancava e dovrebbe debuttare già lunedì contro il Cagliari, dal momento che è in buone condizioni atletiche. A destra invece, aspettando l’addio di Celik, rimangono due specialisti come Karsdorp e Kristensen. Particolarmente ricco è anche l’attacco, impreziosito da Baldanzi che sarà inizialmente la riserva dell’idolo d’infanzia, Dybala. De Rossi in quella posizione aveva provato prima Zalewski (contro il Verona) e poi Aouar (a Salerno) ma non ha ottenuto grandi risultati. Da adesso, quando sostituirà il giocatore più forte, potrà disporre di un altro mancino talentuoso che gioca in modo simile: parte da destra e cerca le vie centrali per sfruttare il piede migliore anche se sabato scorso allo Stadium ha segnato nel modo opposto, con un rasoterra di destro, spostandosi da sinistra. I centravanti, nonostante la partenza di Belotti, sono due ed entro un mese potranno essere tre mentre a sinistra Zalewski, che per De Rossi non può giocare terzino, è una riserva valida per El Shaarawy. 

Le difficoltà

Il reparto meno solido alla fine sembra il centrocampo, dove Renato Sanches non dà alcuna garanzia dal punto di vista fisico e dove manca una mezzala dinamica. Se Cristante e Paredes, come Pellegrini e Aouar, sono coppie di lusso, l’emergente Bove non ha una vera alternativa per caratteristiche. De Rossi potrà chiaramente giocare con Cristante e Paredes insieme e lasciare a Pellegrini il compito di rifornire gli attaccanti. Sarebbe una variante tattica, una specie di 4-2-3-1. Ma contro avversari molto aggressivi e veloci, un giocatore come Bove rischia di essere insostituibile per gli equilibri difensivi. Sono esperimenti che ovviamente De Rossi dovrà effettuare sul campo, a Trigoria, valutando gli avversari volta per volta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Milan, un centrale last-minute per Pioli Successivo Fiorentina, ultimo assalto a Gudmundsson

Lascia un commento