Roland Garros, torna la sfida infinita tra Nadal e Djokovic. È Nole il favorito

Sarà lo scontro numero 59 per il serbo ed il maiorchino nei quarti di finale dello Slam. Il numero 1 del mondo detiene titolo e record nei precedenti ma Parigi è casa di Rafa

Torna la sfida infinita: Rafa Nadal vs Novak Djokovic, capitolo 59. Gli eterni rivali dello sport con la racchetta saranno impegnati martedì 31 maggio nei quarti di finale del secondo Slam della stagione, il Roland Garros. Il match sarà il piatto forte della sessione serale sul Philippe Chatrier, da sempre teatro di grandi sfide, con inizio previsto non prima delle ore 20:45.

PRECEDENTI

—  

Nadal e Djokovic si ritroveranno dove tutto ebbe inizio, nel 2006, anno in cui proprio durante i quarti di finale dell’Open di Francia, il serbo fu costretto al ritiro sotto 4-6 4-6 nel primo scontro diretto con lo spagnolo. Da allora i due si sono affrontati ben 58 volte in carriera, passando per le finali di tutti i tornei del grande Slam. Per i bookmaker il favorito all’accesso alle semifinali del Roland Garros 2022 è il n.1 al mondo, in vantaggio per 30–28 negli scontri diretti, (15–13 nelle finali). Tuttavia, nelle 17 sfide che si sono disputate a livello Major, l’ago della bilancia pende dal lato di Nadal, avanti per 10–7. Altro dato da considerare è quello dei confronti diretti sulla terra battuta, dove Rafa domina 19-8. Stesso discorso per il rosso di Parigi dove il maiorchino tredici volte campione, si è aggiudicato tre incontri su quattro. La partita più recente fra Nadal e Djokovic risale alla passata edizione del Roland Garros, dove il serbo ha avuto la meglio in semifinale con il punteggio di 3-6 6-3 7-6(4) 6-2. Il vincente del match affronterà in semifinale uno tra Alexander Zverev e Carlos Alcaraz.

IL PERCORSO DI NOLE

—  

Nel suo percorso verso i quarti di finale, il campione in carica ha sconfitto in sequenza: il giapponese Yoshito Nishioka (6-3 6-1 6-0), lo slovacco Alex Molcan (6-2 6-3 7-6), lo sloveno Aljaz Bedene (6-3 6-3 6-2), e l’argentino Diego Schwartzman (6-1 6-3 6-3). Fino ad ora il numero uno al mondo non ha ancora lasciato un set ai propri avversari.

IL PERCORSO DI RAFA

—  

Nadal, quinta forza del tabellone, si è invece imposto all’esordio sull’australiano Jordan Thompson (6-2 6-2 6-2), per poi mandare al tappeto in sequenza il francese Corentin Moutet (6-3 6-2 6-4) e l’olandese Botis Van De Zandschulp (6-3 6-2 6-4). Negli ottavi di finale la strada del maiorchino si è poi fatta in salita, con il canadese Felix Auger Aliassime che è riuscito a strappargli i primi due set del torneo grazie ad un 3-6 6-3 6-2 3-6 6-3 maturato al termine di 4 ore e 21 minuti di battaglia.

Precedente Kjaer, promessa mantenuta: scudetto vinto dal Milan e barba tagliata Successivo Gazidis: "Abbiamo rifatto grande il Milan. La gente diceva che era impossibile... Il futuro? Io resto"

Lascia un commento