Rivoluzione Barcellona: le 10 regole ferree di Xavi per la svolta

BARCELLONA“Ordine e regole” è la base del progetto del nuovo allenatore del Barcellona, Xavi Hernandez. L’ex centrocampista blaugrana ha reso chiaro già durante la sua presentazione che imporrà alla sua squadra una serie di norme che ha imparato e rispettato da giocatore: “Le cose sono sempre andate bene quando nel gruppo c’era ordine e disciplina”. Il quotidiano spagnolo As ha rivelato le 10 regole che Xavi imporrà alla squadra, al fine di risollevarla dal nono posto in campionato, con 11 punti di distacco dalla vetta. 

Xavi è tornato a casa: il Barcellona lo presenta così

Guarda la gallery

Xavi è tornato a casa: il Barcellona lo presenta così

Xavi al Barcellona: ecco le sue regole

1 – Xavi imporrà un nuovo orario per gli allenamenti: il termine ultimo per l’arrivo dei giocatori sarà alle 9.30, ovvero un’ora e mezza prima dell’inizio della seduta. In questo modo ci sarà spazio per i colloqui individuali tra i calciatori e l’ex centrocampista.

2 – Cambiano gli orari anche per lo staff, con i suoi assistenti e il resto dei membri dello spogliatoio che dovranno essere presenti già 2 ore prima della seduta, in modo da essere già pronti per l’arrivo dei calciatori.

3 – Durante le giornate, i blaugrana dovranno pranzare esclusivamente nella sala da pranzo del club, con una dieta fissata secondo i parametri dei nutrizionisti del club.

4 – Xavi istituirà un duro codice di condotta, con multe previste anche per i falli commessi in allenamento. Questa idea è stata ripresa direttamente da Guardiola.

5 – Saranno previste multe anche per i ritardatari che saliranno costantemente in caso di ripetuti errori: una prima sanzione sarà pagata 100 euro, la seconda salirà a 200 e così via.

6 – Ci sarà poi un controllo anche dell’attività esterna della squadra in prossimità delle partite: i calciatori dovranno rientrare a casa massimo entro la mezzanotte. 

7 – Xavi sceglierà i giocatori da mandare in campo in base ad un sistema di meritrocrazia. Non ci saranno titolari fissi: il posto in squadra dovrà essere guadagnato con impegno sia durante le partite sia in allenamento.

8 – Xavi e il suo staff controlleranno tutte le attività dei calciatori che possono incidere sulle loro prestazioni in campo. Saranno ad esempio vietati troppi viaggi privati.

9 – Saranno anche vietate tutte le attività dei giocatori potenzialmente rischiose: Xavi vuole evitare in tutti i modi nuovi infortuni limitando i calciatori con sanzioni in caso di infrazioni. 

10 – Infine tutti i giocatori dovranno preservare la buona immagine del club: dovranno rispettare le regole, salutare e interagire con i tifosi, incoraggiare la squadra ed evitare comportamenti sbagliati.

Xavi e il paragone con Guardiola: "Affrettato. Lui è il migliore al mondo"

Guarda il video

Xavi e il paragone con Guardiola: “Affrettato. Lui è il migliore al mondo”

Precedente Immobile, gol con l’Italia per altri record Successivo Calciomercato Serie C, Fidelis Andra: Avantaggiato ai saluti

Lascia un commento