Rivivi la diretta su Pogba positivo al doping: tutti gli aggiornamenti sul caso

Paul Pogba è stato trovato positivo al doping dopo un controllo di routine. Il centrocampista della Juventus non ha passato quindi l’antidoping dopo il match con l’Udinese, nella prima giornata di Serie A. Segui la situazione, in continua evoluzione.


23:00

Il silenzio di Paul

Per il momento Paul Pogba ha scelto il silenzio. L’uragano doping che lo colpito ha lasciato un rumorosissimo silenzio, colmato dai messaggi dei tifosi della Juve che rimbalzano da ore sui social. Chi aspettava un chiarimento, delle scuse (soprattutto chi lo ha sostenuto fin dal suo ritorno a Torino) o una presa di posizione, sono rimasti delusi. Paul ha scelto di non parlare, di non dire nulla per ora: il suo profilo Instagram è rimasto intatto, come se la notizia della sua positività al testosterone, riscontrata ai controlli antidoping, non fosse mai arrivata. Chissà se deciderà di dire la sua verità…


22:30

La squalifica da tre mesi

Il regolamento sportivo parla chiaro: “Qualora l’Atleta sia in grado di stabilire che qualsiasi assunzione o uso si sia verificato fuori competizione e non sia correlato alla prestazione sportiva, il periodo di squalifica sarà pari a tre (3) mesi di squalifica”. Questo è lo scenario migliore che il Il Tribunale Nazionale Antidoping potrebbe infliggere a Pogba.


22:10

La difesa di Pogba

Secondo i regolamenti antidoping l’onere della prova spetta all’atleta. Quindi sarà fondamentale la difesa di Pogba per convincere il Tribunale Nazionale Antidoping della sua non positività, stop. Sarà lui che dovrà dimostrare perché è risultato positivo e se lo è stato per errore: una sottigliezza che cambia tutta la prospettiva rispetto a un normale processo


21:40

Doping, i calciatori squalificati in Serie A

Pogba è l’ultimo di una lunga lista di calciatori risultati positivi al controllo antidoping in Serie A. Ecco gli ultimi dieci casi che hanno stravolto i club italiani:

SFOGLIA LA GALLERY

Doping, non c'è solo Pogba: tutti i calciatori squalificati in Serie A

Guarda la gallery

Doping, non c’è solo Pogba: tutti i calciatori squalificati in Serie A


20:50

Pogba, che calvario: tra infortuni, doping e tribunali

Periodo davvero complicato per Paul. Oltre agli infortuni e alle accuse di doping, proprio questa settimana, precisamente venerdì 15 settembre, il francese è atteso a Parigi. Pogba dovrebbe comparire davanti ai giudici istruttori del tribunale parigino per la tentata estorsione e associazione a delinquere di cui fu vittima oltre un anno fa.


20:27

Il comunicato della Juve

La Juve sui propri canali social ha diramato un comunicato prendendo posizione. Ecco cosa ha scritto sul caso doping-Pogba: LEGGI QUI


20:00

Le reazioni social

Lo scandalo doping che ha travolto Pogba ha scatenato la reazioni di social e del web. Ecco cosa ne pensano i tifosi della Juve e non solo!

SFOGLIA LA GALLERY

Juve, Pogba positivo al doping: le reazioni social

Guarda la gallery

Juve, Pogba positivo al doping: le reazioni social


19:50

Pogba, e ora cosa succederà? Gli scenari

Il giocatore bianconero rischia ora una lunga squalifica e dovrà capire come muoversi per rispondere alle accuse mosse contro di lui. Ecco quali potrebbero essere ora gli scenari che si aprono lungo la sua strada: LEGGI TUTTO


19:40

Un inizio difficile

Dopo la panchina a Udine alla prima di campionato, Pogba aveva giocato nelle due successive sfide di Serie A della Juventus, mai da titolare e sempre da subentrato: 24 minuti nell’1-1 contro il Bologna, 28’ nella vittoria con l’Empoli


19:30

Ufficiale: il Tribunale antidoping sospende Pogba

La decisione ufficiale presa dal Tribunale antidoping è quella di sospendere al momento Paul Pogba dall’attività agonistica. La comunicazione arriva proprio in questi minuti. “Il Tribunale Nazionale Antidoping comunica che, in accoglimento dell’istanza proposta dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare l’atleta: Paul Labile Pogba per la violazione degli articoli 2.1 e 2.2; sostanza riscontrata: Metaboliti del testosterone di origine non endogena (I risultati del GC/c/IRMS sono compatibili con l’origine esogena dei metaboliti)”, questo il comunicato. Il controllo inoltre è stato disposto da Nado Italia.


19:20

Una svolta che non arriva

Visti i numeri deludenti della scorsa stagione, questo sarebbe dovuto essere l’anno della svolta per Pogba. Eppure l’infortunio, l’ennesimo, a Empoli lo scorso 3 settembre, ha complicato di nuovo le sue condizioni fisiche e quindi il rendimento in campo. Nel 2022-23 il francese è sceso in campo in appena 10 partite, per un totale di 161 minuti, con una media di poco superiore al quarto d’ora per match


19:10

Parla l’ex medico della Nazionale

Sul caso Pogba è intervenuto anche il Professor Enrico Castellacci. L’ex medico sociale della Nazionale ha parlato del presunto caso che ha travolto il centrocampista della Juve: “Il testosterone non può essergli stato prescritto. Assumerlo per errore è possibile. Di solito potrebbe avvenire tramite pomate o gel, ma…”  LEGGI TUTTO


19:00

Lo stipendio di Pogba

Pogba è il giocatore più pagato della Juve, ma non gioca praticamente mai. Il suo stipendio supera infatti gli 8 milioni di euro: un rischio che ora è diventato un’azzardo per il club bianconero, che ha come obiettivo primario la sostenibilità economica e quindi la revisione dei conti. LEGGI TUTTO


18:50

Sirene arabe per Pogba

La notizia del doping complica anche la questione trasferimento: nelle scorse ore sul destino del giocatore si stavano facendo insistenti le voci di un possibile trasferimento in Arabia Saudita all’Al Hittihad. E ora cosa farà la Juve?


18:40

Le reazioni della stampa estera

La notizia della positività al testosterone è rimbalzata anche all’estero: ecco le prime pagine dei siti web di Francia, Inghilterra e non solo

SFOGLIA LA GALLERY

Shock Pogba, è positivo al testosterone: le reazioni sconvolte della stampa estera

Guarda la gallery

Shock Pogba, è positivo al testosterone: le reazioni sconvolte della stampa estera


18:30

Cosa rischia ora?

Si complicherebbe e non di poco la carriera di Pogba, qualora la positività fosse accertata. Il caso doping apre uno scenario clamoroso: una lunga squalifica e forse anche la parola fine con il calcio giocato. Secondo il codice sportivo il centrocampista della Juventus potrebbe stare ai box per diverso tempo e quindi…. LEGGI TUTTO


18:20

Pogba voleva smettere

In un’intervista recente ad Al-Jazeera, il centrocampista aveva rivelato di aver pensato di chiudere la sua carriera. Troppo pesanti gli ultimi infortuni e le continue ricadute fisiche. Pogba però alla fine ha deciso di non arredersi e continuare a giocare con la Juve. GUARDA IL VIDEO

Juve, Pogba choc: "Ho pensato di smettere"

Guarda il video

Juve, Pogba choc: “Ho pensato di smettere”


18:10

La posizione della Juve

È atteso il comunicato Juve con un commento sull’accaduto. A breve dovrebbero arrivare le prime reazioni della società con un comunicato ufficiale del club bianconero.


18:00

Cos’è il testosterone

Sono numerose le sostanze proibite nella pratica sportiva. E tra questi c’è il testosterone, che rientra negli steroidi androgeni anabolizzanti. Ogni anno la WADA (World Antidoping Agency) – l’agenzia mondiale antidoping che coordina le attività delle varie organizzazioni nella lotta al doping in ambito sportivo – aggiorna e pubblica la lista delle sostanze/farmaci dopanti… LEGGI TUTTO


17.55

In panchina il 20 agosto

Pogba e la Juventus erano in trasferta a Udine allo stadio Friuli: una gara che il centrocampista ha passato interamente in panchina. I bianconeri hanno vinto 3-0 grazie ai gol di Chiesa, Vlahovic e Rabiot


17.45

Pogba positivo al testosterone

Paul Pogba è risultato positivo al testosterone lo scorso 20 agosto, in seguito a un controllo antidoping. Lo juventino si è sottoposto ai controlli medici di routine dopo il match contro l’Udinese nella prima giornata di Serie A. LEGGI TUTTO


Torino, centro sportivo La Continassa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Bonucci difende Donnarumma: il messaggio social per far tacere le critiche Successivo Il Manchester United non vende la maglia di Højlund: il motivo è assurdo

Lascia un commento