Riva: “Azzurri, siete superiori. L’errore di Jorginho? Può capitare, ma stasera…”

“Rombo di tuono” analizza la partita: “Servono coraggio e concentrazione. Al nostro regista non farei tirare un altro penalty ora, in questi casi il condizionamento psicologico c’è. Poi tornerà a calciarli alla grande come ha sempre fatto”

Gli occhi, sopra la mascherina bianca con stemma rossoblù del Cagliari, sono vispi come nei giorni migliori ed è un piacere ritrovarlo così dopo tanto tempo. Gigi Riva ti abbraccia con lo sguardo felice, perché questi per lui sono giorni speciali. Domenica scorsa, 7 novembre, con gli auguri degli altri due “scorpioni” Albertosi e Boninsegna, ha aggiunto un bel 7 ai suoi meravigliosi 70 anni, tanto discreti quanto intensi, soprattutto a livello emotivo. Proprio per evitare di commuoversi, ha gentilmente declinato l’invito ad assistere alla “prima” dello spettacolo “Luigi”, che attraverso la voce di Luca Ward racconta la storia della sua vita, non soltanto calcistica, in sei atti.

Precedente Jennings: "La mia Irlanda del Nord? Difesa solida e niente da perdere" Successivo Immobile, avanti con le cure: punta il Napoli

Lascia un commento