Riservatezza e fiori al tavolo del ristorante preferito: il primo giorno di Cagliari senza Riva

Mattino triste e silenzioso nella città di Rombo di Tuono. Nel pomeriggio la camera ardente allo stadio, domani i funerali

Dal nostro inviato G.B. Olivero

23 gennaio 2024 (modifica alle 12:23) – cagliari

Perfino il sole, che qui non manca quasi mai, si è un po’ nascosto, defilato. È un risveglio triste quello di Cagliari. La prima alba senza Gigi Riva, la prima mattina negli uffici senza quella presenza così silenziosa ma così rassicurante. La città si raccoglie in un lutto intimo, privato: ognuno con i propri pensieri, con i propri ricordi. Fuori dalla camera mortuaria non ci sono tifosi o curiosi, solo i familiari e qualche amico stretto dell’ex campione: l’invito dei medici è stato raccolto, ci saranno il tempo e il modo per rendere omaggio a Riva e così la gente aspetta di sapere dove potrà salutare per l’ultima volta l’idolo di tutta l’isola. Intanto al ristorante “Stella Marina”, il preferito da Riva, sul suo tavolo all’angolo è stato messo un mazzo di cinque rose rosse. 

il programma

—  

Stamattina ci saranno alcune riunioni per decidere come procedere. Prefettura, Comune e Cagliari Calcio stanno studiando la situazione. Tra le ipotesi c’è anche quella di rinviare la partita di venerdì tra Cagliari e Torino, ma è prematuro pensare a questa soluzione anche perché dipenderebbe da tanti fattori e andrebbe coinvolta anche la Lega Serie A. Per il momento sembra probabile che la camera ardente venga allestita nel pomeriggio di oggi allo stadio e che il funerale venga celebrato domani alle 16 al Santuario di Nostra Signora di Bonaria, la chiesa più grande e quindi la più adatta visto che sarà attesa tantissima gente. A Cagliari e in tutta la Sardegna oggi è stato indetto il lutto cittadino, che durerà fino al giorno delle esequie.

Precedente Tutto cominciò con una Graziella: storia recente degli oggetti in campo Successivo Perché a Riad hanno fischiato il ricordo di Riva. Era successo anche con Beckenbauer