Rimonte, scivoloni, imprese e volate: le 10 gare iconiche di Inzaghi alla Lazio

La prima non si scorda mai. È lì, marchiata a fuoco, perché dopo gli anni della Primavera, degli Allievi e dei trofei a Ciampino, Amatrice, Benevento, Inzaghi corona il sogno di allenare la prima squadra. Ogni volta che passava di fronte allo stadio, lato Ponte Duca d’Aosta, sussurrava a Gaia che un giorno avrebbe allenato all’Olimpico. Il primo match è del 10 aprile 2016, qualche giorno dopo il suo quarantesimo compleanno. Inzaghi prende in mano la Lazio dopo un derby perso 4-1, la contestazione dei tifosi e il ritiro a Norcia, nascosto dietro i teloni. “Queste 7 partite sono fondamentali per la mia carriera”, confessò ai giocatori. Così è stato. Tris al Palermo al Barbera, doppietta di Klose e gol di Felipe Anderson. Inizia l’era Inzaghi, ma in quel momento ci crede solamente lui.

Precedente Napoli, accelerata per Mandava. Il manager: "Si può fare" Successivo Curato con pollo e spaghetti, l'esordio con due gare in un giorno. "Vi raccontiamo Lorenzo Lucca"

Lascia un commento