Rigore contro al club di Robbie Williams: un tifoso in campo rincorre l’arbitro

Port Vale-Portsmouth, gara di League One, ha visto gli ospiti vincere di misura grazie ad un calcio di rigore trasformato da Bishop poco prima del 90′. Un penalty concesso alla squadra attualmente prima della classe con annesse polemiche. A non prenderla bene, infatti, è stato soprattutto un supporter del Port Vale (squadra il cui presidente, da poche ore, è il famoso cantante Robbie Williams, già tifosissimo del club e ieri presente allo stadio).

Port Vale-Portsmouth, invasore verso l’arbitro

La gara è quasi finita, il Portsmouth gestisce il vantaggio, ma il match viene interrotto a causa dell’invasione di un tifoso dei padroni di casa. La sua corsa è diretta verso il direttore di gara Craig Hicks, con il fischietto inglese che è dunque costretto a fuggire al di fuori del rettangolo di gioco nel tentativo di eludere la corsa dell’invasore. Quest’ultimo è stato prontamente fermato dal tecnico del Port Vale, Andy Crosby, e da quello del Portsmouth David Dunn, che hanno arrestato la sua corsa diretta nei confronti di Hicks.

Increduli i tifosi allo stadio e quelli da casa, non da meno PGMOL (l’ente responsabile dell’arbitraggio delle partite del calcio professionistico inglese) e la English Football League, che hanno diramato un comunicato congiunto: “Siamo sconvolti dall’incidente avvenuto oggi in League One tra Port Vale e Portsmouth, che ha visto l’arbitro Craig Hicks inseguito fuori dal campo di gioco, e condanniamo le azioni insensate dell’individuo coinvolto. I direttori di gara non dovrebbero mai sentirsi minacciati per la loro incolumità quando svolgono un ruolo fondamentale nello svolgimento delle partite nelle nostre competizioni. Forniremo il nostro pieno supporto a Craig e alla sua squadra arbitrale, insieme al Port Vale e alle autorità competenti, nel tentativo di assicurare questo individuo alla giustizia“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente De Rossi: "La Roma ha personalità, non l'ho presa dall'oratorio" Successivo Roma, De Rossi non cambia opinione su Rui Patricio: "Gerarchie decise quando sono arrivato"