Riecco Nastasic: “Felice e pronto per giocare. Vlahovic e Milenkovic non vogliono andar via”

Se ne era andato nel 2012, giovanissimo, dopo aver impressionato nel suo primo campionato in Serie A. Adesso torna nove anni dopo nel pieno della maturità per restare il più possibile. Nastasic è pronto e dovrà dare una grande mano alla difesa viola. “Ringrazio la società per avermi riportato qui – dice lui – quando giocai a Firenze ero un ragazzino e fu un’esperienza bellissima che poi mi ha portato in Inghilterra. Ma sono sempre rimasto in contatto con le persone dentro il club, che per me è stato speciale. Appena c’è stata la possibilità ho detto subito ‘torno’. E spero di stare il più a lungo possibile. Sono stato accolto bene, è un gruppo di amici. Ho parlato con Milenkovic prima di tornare, ma già conoscevo questo ambiente: so cosa significa la Fiorentina per i suoi tifosi”. Poi sui compagni serbi. “Con Vlahovic e Milenkovic parlo sempre e so che non sono mai voluti andare via. Questo è molto importante per noi, sono grandi uomini e grandi calciatori. Non ho dubbi sul fatto che siano concentrati al 100% sulla Fiorentina”.

Gioca a Magic Gazzetta e sfida i migliori fantallenatori nel fantatorneo Nazionale de La Gazzetta Dello Sport. In palio un montepremi da 260.000€. Attivati ora!

SONO PRONTO

—  

Dopo un periodo complicato causa infortuni, Nastasic si sente in forma. “Sto bene, sono al 100% pronto per giocare, poi deciderà il tecnico. Io ho sempre seguito il calcio italiano, è un campionato diverso rispetto a 10 anni fa, penso che adesso molte squadre giocano in modo offensivo per fare un gol più degli altri. Così fa il nostro allenatore ed è un metodo che mi piace molto”. Ha scelto il numero 55, spiegando. “A Firenze avevo il 15, allo Schalke il 5, numeri che qui erano già occupati. Inoltre mio figlio ha 5 anni, per me il cinque è un numero speciale”. Chiusura sul Toro, avversario di sabato. “Come noi hanno cambiato molto, allenatore e tipo di gioco, dovremo stare attenti ed essere pronti. Belotti? Preferisco non parlare dei singoli anche se tutti conoscono il suo valore. Pensiamo a ciò che dobbiamo fare noi”.

Precedente D'Amico: "La mancata Champions ha bloccato il mercato del Napoli" Successivo Juve, non solo CR7: Mendes lavora allo scambio Ramsey-Neves

Lascia un commento