Riecco i nazionali di Pioli: Diaz carico, Ibra, Leao e Tonali delusi

Gli infortuni di Calabria e Ballo-Touré sono la notizia peggiore per il tecnico. Attesa per le partite degli africani Bennacer e Kessie (anche in vista del calendario di marzo)

Torna a riempirsi Milanello: tra oggi e giovedì torneranno a disposizione di Stefano Pioli tutti i 13 giocatori convocati in nazionale durante questa sosta di campionato. O meglio, saranno di nuovo presenti al centro tecnico, perché due di loro sono procurati infortuni che li collocano direttamente nell’elenco degli indisponibili per la trasferta di sabato a Firenze.

Difensori

—  

Partiamo dalla difesa. Sorridono Hernandez e Kjaer, che si sono qualificati per il Mondiale 2022. Theo ha giocato tutto il match col Kazakistan e stasera potrebbe bissare in una gara importante solo per la Finlandia, avversaria della Francia. Il danese, invece, ha perso la sfida con la Scozia dopo aver già ottenuto il pass per il Qatar: è stato capitano sia nella gara con le Far Oer che in quella coi britannici, e la cosa migliore è che ha evitato infortuni. Non sono stati così fortunati Ballo-Touré e Calabria: da valutare l’entità dei loro guai muscolari, ma non sono banali. Kalulu, invece, stasera sarà impegnato con l’Under 21 francese in Macedonia del Nord, per proseguire il cammino verso l’Europeo 2023. Contro l’Armenia ha giocato dall’inizio alla fine.

Centrocampisti

—  

Non può essere felice Sandro Tonali: 37 minuti di utilizzo contro la Svizzera e 45 a Belfast, nel doppio match-point sprecato dagli azzurri. Poca gloria anche per Krunic, in campo 67 minuti nella partita con la Finlandia che è costata l’eliminazione alla Bosnia, in attesa di sapere se sarà titolare anche stasera in una gara che conta solo per l’Ucraina. Due impegni fondamentali attendono gli africani Bennacer e Kessie, che oggi sapranno se a marzo – dopo aver disputato la Coppa d’Africa a inizio 2022 – dovranno tornare a rappresentare Algeria e Costa d’Avorio negli spareggi mondiali. Bennacer, dopo aver giocato 45 minuti in Djibouti, se la vedrà col Burkina Faso, mentre Kessie aggiungerà la presenza contro il Camerun ai 77 minuti accumulati in Costa d’Avorio-Mozambico.

Attaccanti

—  

Infine, mezzepunte e centravanti. Saelemaekers è già al Mondiale: per lui 31 minuti nel 3-1 del Belgio all’Estonia, stasera potrebbe avere più spazio in un confronto sostanzialmente ininfluente col Galles. Brahim Diaz, invece, ha applaudito i compagni dalla panchina, nei match contro Grecia e Svezia che hanno portato la Spagna a vincere il gruppo. Con gran scorno di Ibrahimovic, mandato in campo a Siviglia al 73′ e protagonista solo di un colpo proibito ad Azpilicueta che potrebbe costargli la squalifica al playoff. In Georgia, con Zlatan titolare e in campo per tutto il tempo, era andata perfino peggio: sconfitta 2-0. Infine, Leao. Anche a Rafa non è andata bene: 83 minuti nello 0-0 in Irlanda, panchina in Portogallo-Serbia, la partita-beffa che ha retrocesso la nazionale di Ronaldo ai playoff.

Precedente Bernardeschi, problema a un adduttore. Oggi gli esami, salta la Lazio? Successivo Spareggi, la missione di Mancini. La seconda partita sarà difficile

Lascia un commento