Retroscena Solbakken, c’era anche il Napoli: ecco perché ha scelto la Roma

ROMA – Solbakken questa mattina incontrerà Tiago Pinto (prima della sua partenza per il Giappone con la squadra), già visto nei suoi due viaggi nella capitale in estate, quando era stato visitato alla spalla allora infortunata, e saluterà i suoi futuri compagni e naturalmente Mourinho che aveva già sentito qualche settimana fa. Esiste infatti un retroscena sulla trattativa che ha portato Solbakken a vestire la maglia della Roma e non quella di altri club che erano interessati a lui. Partiamo dalla premessa: in estate, quindi dopo i primi contatti tra Pinto e l’entourage del giocatore, anche il Napoli, il Benfica e l’Eintracht Francoforte avevano avuto più di un colloquio sia con il Bodø, sia con l’agente del norvegese. Il giocatore era rimasto soddisfatto del progetto giallorosso, ma non aveva ancora dato il suo sì definitivo alla chiusura dell’operazione. Solbakken aveva quindi incontrato anche gli emissari degli altri club che lo avrebbero voluto in squadra, ma alla fine si è convinto a trasferirsi a Roma grazie anche all’intervento di Mourinho. Una lunga videochiamata tra l’esterno offensivo e il tecnico per parlare dei piani futuri, della sua funzionalità agli schemi del tecnico nonostante il suo modulo (il 3-4-2-1) non preveda l’utilizzo di attaccanti esterni ma di un terzino a tutta fascia. E allora come si può dire di no a José Mourinho? Non si può. 

Roma, ecco il primo colpo: atterrato Solbakken

Guarda il video

Roma, ecco il primo colpo: atterrato Solbakken

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Diretta Danimarca-Tunisia ore 14: dove vederla in tv, in streaming e probabili formazioni Successivo La missione di Mbappé per la Francia e per O Rei

Lascia un commento