Retroscena Juve, il patto nello spogliatoio per la svolta dopo Empoli

Massimiliano Allegri non ha infierito più di tanto, con la squadra, sabato sera: vuoi perché così a caldo, dopo una partita persa malamente, non è poi tanto scontato che serva dire chissà cosa; vuoi perché tra il ko contro l’Empoli e la ripresa del campionato ci passa la sosta per le Nazionali e dunque il rompete le righe ha preso il sopravvento. Non mancheranno occasioni, insomma, al ricompattarsi del gruppo. Il tecnico toscano, però, ha le idee assai chiare sul daffarsi e peraltro ha constatato che tutto sommato una scintilla – opportuna e appropriata – s’è accesa autonomamente. Nello spogliatoio bianconero, infatti, subito dopo il triplice fischio finale, una autonoma e spontanea disamina del non fatto e del daffarsi è sgorgata in autocombustione da parte dei calciatori.

Juve, le ironie del web dopo la sconfitta con l'Empoli

Guarda la gallery

Juve, le ironie del web dopo la sconfitta con l’Empoli

Affranti, ma pronti a svoltare

Affranti, sì, e anche un po’ increduli; ma decisi a fare sì che la svolta – sia di prestazioni sia di risultati – possa essere imminente. Più ancora dei labiali carpiti a Giorgio Chiellini nel finale di partita, mentre sconsolato diceva ad Allegri «non è squadra», è il caso di ripartire dai concetti emersi a seguire tra le mura dell’Allianz Stadium. Due, sostanzialmente, i temi caldi. Innanzitutto l’ammissione del fatto che effettivamente le vicissitudini ronaldesche un certo effetto sull’ambiente, anche interno, l’hanno avuto durante una settimana (se non ritiro) particolare, strana, storica.

Tutti gli approfondimenti nell’edizione odierna di Tuttosport

Juve, le ironie del web dopo la sconfitta con l'Empoli

Guarda la gallery

Juve, le ironie del web dopo la sconfitta con l’Empoli

Tuttosport League, iscrizioni aperte: schiera la tua formazione, vinci viaggi in Europa e buoni Amazon. Partecipa, è gratis!

Precedente Pjanic, ore di riflessione per la Juve: l'ex resta davanti a Witsel. Tentativo per Icardi Successivo Lazio, si avvicina Kostic. Zaccagni sogna il sorpasso

Lascia un commento