Respinto il ricorso dei veneti: Salernitana-Venezia si gioca

Il Collegio di Garanzia del Coni, presieduto dall’avvocato Gabriella Palmieri, alla seconda udienza da quando ricopre la carica ereditata dell’ex ministro Franco Frattini, ha respinto il ricorso del Venezia per la gara con la Salernitana non disputata lo scorso 6 gennaio 2022 per problematiche Covid. Al termine di un’udienza asprissima a cui ha preso parte lo stesso vice presidente del club veneto, Andrea Cardinaletti, assistito dagli avvocati Grassani e Daminato, le tesi difensive del sodalizio campano sono state accolte dal Collegio che ha ribadito il giudicato già espresso dal Giudice Sportivo Gerardo Mastrandrea e dalla Corte Sportiva d’Appello Nazionale. E’ stato appurato che la Salernitana ha agito in piena legittimità e nel rispetto delle normative vigenti all’epoca della gara non disputata, poi modificate dal decreto ministeriale concordato dal Governo Draghi con la Figc e le Leghe. Grande soddisfazione per il presidente Danilo Iervolino, assistito da un collegio difensivo composto dal fedelissimo Francesco Fimmanò, dal professor Salvatore Sica e dal giurista sportivo napoletano Eduardo Chiacchio. In seguito a questa ulteriore vittoria, dopo quella relativa alla gara con l’Udinese, il sodalizio granata è in piena lotta per conservare clamorosamente la massima categoria che solo un mese fa sembrava un’impresa impossibile. Per la gara con il Venezia, già programmata per giovedì 5 maggio, sono stati venduti oltre ventimila biglietti.

Precedente Under 17 Lnd: stage a Coverciano Successivo Napoli, buone notizie per Spalletti: Lobotka e Ounas in gruppo

Lascia un commento