Real-City, Capello: “La fortuna di Ancelotti è famosa”

Dopo Psg e Chelsea, il Real Madrid elimina anche il Manchester City di Pep Guardiola e vola in finale di Champions League, dove sfiderà il Liverpool di Jurgen Klopp. La squadra di Carlo Ancelotti, dopo aver festeggiato la vittoria della Liga, si è resa protagonista dell’ennesima rimonta, ribaltando in poco più di un minuto il momentaneo vantaggio degli inglesi firmato Mahrez. Poi il calcio di rigore dello straordinario Benzema nel primo tempo supplementare ha portato la qualificazione sui binari dei Blancos. Per il tecnico di Reggiolo si tratta di un record: è infatti il primo allenatore a raggiungere cinque finali di Champions League, superando Marcello Lippi, Sir Alex Ferguson e Jürgen Klopp (quattro presenze a testa).

Real Madrid-Manchester City, la stampa estera: "Incredibile"

Guarda la gallery

Real Madrid-Manchester City, la stampa estera: “Incredibile”

Capello su Real-City

Al termine della sfida, ai microfoni di Sky Sport, Fabio Capello ha commentato così la bellissima sfida del Santiago Bernabeu: “Stasera ho visto un Real Madrid convinto della propria forza: ha creato delle occasioni, Vinicius ne ha sbagliate due clamorose. Ha avuto il colpo di fortuna al momento giusto, la fortuna di Carletto è famosa e dà il colpo d’ala che lo porta a volare. Però a me è piaciuto questo Real, ha giocato con determinazione, ha cercato di non farsi sorprendere. Aveva detto che voleva una difesa attenta, lo è stata abbastanza. Ha avuto un colpo di fortuna anche col salvataggio sulla riga, però credo che vista stasera la vittoria sia meritata”. Parlando della finalissima contro i Reds di Jurgen Klopp in programma il prossimo 28 maggio allo Stade de France di Saint-Denis: Sarà molto interessante, il Liverpool gioca un calcio molto verticale e veloce”. 

City, tifosi contro Guardiola e De Bruyne: “Altra stagione buttata”

Real Madrid-Manchester City, le pagelle: male De Bruyne

Guarda la gallery

Real Madrid-Manchester City, le pagelle: male De Bruyne

Precedente Lazio, flop Cabral: il futuro è già scritto Successivo Lazio-Sampdoria, l’Olimpico si riempie: il dato sui biglietti

Lascia un commento