Raspadori e Joao Pedro dentro, Scamacca e Belotti fuori: ecco i convocati di Mancini

Le scelte del c.t. azzurro per la partita di stasera dell’Italia contro la Macedonia

Dal nostro inviato Andrea Elefante

24 marzo – Palermo

Scamacca e Belotti no, Raspadori e Joao Pedro sì. Roberto Mancini non sceglie centravanti puri, ma punte più duttili, come armi alternative per attaccare stasera a Palermo la Macedonia, nella prima delle due sfide playoff di qualificazione al Mondiale. Il c.t. doveva escludere nove nomi dalla lista dei 32 convocati presenti a Palermo (il 33°, Locatelli, arriverà stasera direttamente a Coverciano, dopo essere guarito dal Covid) e ha fatto le sue scelte, ufficializzate dalla Uefa poco fa, dopo che la lista era stata presentata entro la mezzanotte di ieri.

Le scelte

—  

Dunque fuori i due “numeri nove” più classici, Scamacca e Belotti, a vantaggio di Raspadori e Joao Pedro, inserito addirittura fra i centrocampisti: il previsto assetto difensivo molto stretto e coperto della Macedonia ha dunque consigliato al c.t. di avere a disposizione (oltre al terzetto di probabili titolari: Berardi-Immobile-Insigne) due punte che offrano soluzioni più imprevedibili, per aggirare il muro macedone o comunque offrire giocate risolutive. Sia Raspadori che Joao Pedro, inoltre, possono essere adattabili a giocare in posizione centrale, ma anche sulla fascia. In particolare Insigne potrebbe aver bisogno di rifiatare prima del 90’, e in questa chiave va visto anche l’inserimento fra i 23 di Politano, uno dei più in forma. Escluso anche Zaniolo: a centrocampo il c.t. come alternative al trio Barella-Jorginho-Verratti ha privilegiato Tonali, Pessina e Cristante. Oltre che naturalmente Lorenzo Pellegrini, che può giocare da mezzala, ma anche da esterno offensivo. In difesa scontata l’esclusione di Bonucci (ancora impegnato nel programma di recupero dall’infortunio che gli ha impedito fino ad oggi di allenarsi con la squadra), mentre ci sarà Chiellini: ieri il capitano si era detto pronto a giocare anche dal 1’, ma il suo impiego – programmato per la seconda partita, quella di martedì prossimo – è previsto solo in caso di necessità, visto che oltre alla probabile coppia di titolari Mancini-Bastoni è fra i 23 anche Acerbi. De Sciglio è stato preferito a Biraghi come eventuale cambio di Florenzi o Emerson, vista la sua adattabilità a giocare su entrambe le fasce. Ricapitolando: stasera vanno in tribuna Gollini, Biraghi, Bonucci, Luiz Felipe, Sensi, Belotti, Scamacca, Zaccagni e Zaniolo.

La lista

—  

Ecco i 23 con i numeri di maglia:
PORTIERI 1 Sirigu, 14 Cragno, 21 Donnarumma
DIFENSORI 2 De Sciglio 3 Chiellini, 13 Emerson, 15 Acerbi, 16 Florenzi, 19 Mancini, 23 Bastoni
CENTROCAMPISTI 4 Tonali, 5 Cristante, 6 Verratti, 7 Pellegrini, 8 Jorginho, 9 João Pedro, 12 Pessina, 18 Barella
ATTACCANTI 10 Insigne, 11 Berardi, 17 Immobile, 20 Politano, 22 Raspadori

Precedente Veretout, l'agente chiude al Napoli: "Non rientra nella filosofia del club" Successivo Salah o Zaniolo per il dopo Dybala? Ma il vero nodo è a centrocampo