Raiola: “Ibra è il più grande Rifiutò 100 milioni dai cinesi Gigio sarà meglio di Buffon”

Per lui è sempre “il più grande”. Il modello, dentro e fuori dal campo, al quale dovrebbero ispirarsi tutti i tanti campioni che ha in procura. Mino Raiola parla di Zlatan Ibrahimovic (ma non solo) in un’intervista concessa al quotidiano Il Giornale nella Montecarlo dove viva. E svela: “Ibrahimovic ha rifiutato 100 milioni, 100 milioni netti!, dai cinesi. Perché lui non vuole più soldi. Vuole vincere”.

donnarumma — Raiola è stato il protagonista assoluto dell’ultima finestra di mercato, soprattutto con i trasferimenti di Pogba e Ibra al Manchester United. “Per diventare un campione prima bisogna soffrire, passare oltre la sofferenza – spiega -. E come il diamante: nasce da una pressione pazzesca. Serve il fuoco dentro. E io sono stato fortunato, di campioni con me ne ho sempre avuti: Zlatan (Ibrahimovic, ndr), Nedved, Maxwell, adesso Matuidi e Donnarumma. Che diventerà anche meglio di Buffon, perché chi arriva nel futuro è sempre meglio del passato. E poi c’ è Mario (Balotelli): per lui c’è ancora in tempo”.

balotelli — Eccolo, il discorso che scivola su Mario Balotelli. “Mario è un fenomeno, però è Balotelli – continua Mino -. La sua fortuna è stata di essere adottato da due persone fantastiche, in una città però difficile (la città è Brescia, ndr). Diciamolo: razzista. Ha subito tanto quando era bambino, e la sua testa è sempre stata un po’ così: se avesse avuto quella di Zlatan, con il suo talento avrebbe vinto già 5 Palloni d’ oro”.
i cinesi a milano — Le ultime considerazioni sono sulle proprietà cinesi della Milano del pallone. “Meno male che sono arrivati i cinesi, però i cinesi dell’ Inter – dice -: quelli di Suning sono gente seria, vogliono investire tanto. E De Boer è un tecnico in gamba, preparato, duro: farà bene. Sui cinesi del Milan invece sono scettico. Mi chiedo: se è tutto fatto, perché non hanno ancora messo i soldi?”.

 Gasport 

Precedente Alain, un rene per la moglie "Così ho detto addio ai gol" Successivo Il TAS di Losanna dà ragione all'Inter: in arrivo 10 milioni dal Sunderland