Rabiot si toglie dal mercato: “Futuro alla Juve? Certo, sono felice a Torino”

Dopo le voci di partenza, la risposta del centrocampista dopo il gol con la Francia, mentre con la Juve è quest’anno è ancora a secco. E Allegri gli aveva chiesto la doppia cifra…

Dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni della sua “iscrizione” nell’elenco dei cedibili della Juve, la risposta sul campo di Adrien Rabiot se possibile ha indispettito ancora di più: quel contributo anche realizzativo che gli chiede la Juve, che Allegri aveva quantificato nella doppia cifra di reti da segnare in stagione, alla fine l’ha dato in nazionale. Certo, sul velluto dell’8-0 sul Kazakistan (e il suo è stato il sesto gol, con gli avversari già alla corda da 75’: non così incisivo…) ma sempre più dei soli 5 tiri in 8 presenze in questo campionato secondo i report Opta, che diventano 7 in 11 presenze compresa la coppa. E uno solo nello specchio della porta, con lo Spezia…

Le risposte

—  

Dopo quella sul campo, è arrivata una risposta anche fuori. Intervistato in patria da Telefoot, sono bastate due parole, perché il punto era nelle domande. “Sei felice a Torino?”. “Sì”. “Vedi ancora la Juve nel tuo futuro?”. “Certo!”. È il contesto della sua posizione in bianconero messa in discussione a dare significato a quelle che normalmente sarebbero derubricate a dichiarazioni di circostanza. A pesare da sempre nelle valutazioni sul suo contributo, oltre al rendimento spicciolo e al linguaggio del corpo, il macigno è il suo ingaggio da 7 milioni netti (insieme a Ramsey è dietro ai soli De Ligt e Dybala), e ricordare che è arrivato a parametro zero in genere non placa i bollenti spiriti su quello che invece ci si aspetterebbe da lui. L’orizzonte è comunque quello dell’estate, più di un’uscita immediata non particolarmente verosimile. Adesso anche le dichiarazioni su un futuro alla Juve: l’ultimo a lanciare messaggi del genere una volta messo sul mercato era stato Ramsey, che infatti è sempre lì.

Precedente Milan, previste quattro operazioni per gennaio. In partenza Conti e Castillejo Successivo Inter: Pinamonti, Esposito e gli altri giovani in prestito, un tesoretto da sfruttare

Lascia un commento