Rabbia Bologna contro la Lega: “Immotivato giocare a Cagliari martedì”

BOLOGNA – Il Bologna si scaglia contro la Lega Serie A, che ha spostato di soli due giorni, da oggi a martedì, la trasferta dei ragazzi di Mihajlovic a Cagliari: “Il Bologna Fc 1909 – si legge in un comunicato ufficiale – preso atto dell’incomprensibile decisione della Lega Serie A di rinviare la partita Cagliari-Bologna a martedì 11 gennaio, intende esprimere la sua totale e ferma avversione a una scelta immotivata, penalizzante e vessatoria. Tutti gli appartenenti al gruppo squadra sono in isolamento domiciliare da mercoledì e vi resteranno fino a stasera per una disposizione dell’AUSL di Bologna, la cui legittimità è stata confermata anche dal TAR dell’Emilia Romagna. I giocatori che non risulteranno positivi al Covid-19 dovranno quindi partire per Cagliari nella giornata di domani e giocare una partita di campionato martedì senza aver di fatto potuto svolgere allenamenti per una settimana, con tutti i rischi che ne conseguono anche per l’incolumità degli atleti. Siamo allibiti di fronte a un provvedimento preso senza reali necessità di urgenza (né il Bologna né il Cagliari disputano le coppe europee e quindi non mancano le date disponibili in calendario), che dimostra sprezzo per i più elementari principi di equità competitiva e di tutela dell’integrità fisica dei calciatori”. Attulamente nel Bologna sono positivi al Covid sette calciatori: Marco Molla, Nicolas Dominguez, Aaron Hickey, Gary Medel, Federico Santander, Sydney Van Hooijdonk e Emanuel Vignato

Precedente La rabbia del Bologna: "Giocare a Cagliari, scelta vessatoria" Successivo Insigne e il Napoli, la pagina triste

Lascia un commento