Quanto guadagna Mino Raiola con le commissioni

Il Milan per filosofia aziendale, sta calmierando ingaggi e compensi ai procuratori. Il super agente di Donnarumma, Ibra e Romagnoli ha un giro d’affari enorme

In attesa di verificare se, e in quali termini, la presenza di Raiola a Casa Milan sarà drasticamente depennata, nel mondo del pallone si prosegue a discutere furiosamente sul ruolo – a livello globale e non certo soltanto milanese – sempre più totalizzante dei procuratori. Chi si attendeva un ridimensionamento – in termini finanziari – da parte di coloro che per professione gestiscono i giocatori, dovuto a una pandemia che ha inferto uno schiaffo violentissimo ai club, è rimasto molto deluso. In diversi casi agenti e super agenti hanno atteso che il tempo giocasse a loro vantaggio, trasferendo i loro assistiti in scadenza, in modo da essere decisamente appetibili agli occhi dei potenziali acquirenti. Ma dove il club che acquista risparmia sul cartellino, deve però mettere mano al portafoglio in altra maniera. Le famose commissioni. Non c’è da scandalizzarsi, sono sempre esistite. Si può semmai discutere sull’entità.

Precedente Napoli, rinforzi scudetto: nel mirino Mazraoui e Reinildo Successivo Così McKennie si è ripreso la Juve. Occhio a Conte, però...

Lascia un commento