“Qatar 2022, l’Argentina alloggerà in un campus: svelato l’incredibile motivo”

Alla base del successo di un calciatore c’è, quasi sempre, anche una dieta equilibrata, curata e senza eccessi. Che a stilarla sia il diretto interessato o un’equipe di nutrizionisti, personali o della squadra, poco cambia, ma nel calcio sempre più fisico dei giorni nostri per stare ad alti livelli non si può lasciare nulla al caso, anche, se non sopratuttto, dal punto di vista alimentare.

I dieci migliori talenti da scoprire al Mondiale 2022: le big di Serie A interessate

Guarda la gallery

I dieci migliori talenti da scoprire al Mondiale 2022: le big di Serie A interessate

“Argentina, no agli hotel di lusso in Qatar per non rinunciare all’asado”

Il concetto vale ancora di più se si partecipa a una manifestazione potenzialmente lunga come il Mondiale, che può richiedere un’assenza da casa di un mese. Non a caso ogni nazionale porta con sé una vera e propria squadra di cuochi e nutrizionisti, chiamati a formare un menu che comprenda sì cibi nutrienti, ma senza dimenticare un tocco… “domestico”, perché assaporare i sapori della propria tradizione può far sentire i giocatori a casa e migliorare le prestazioni. Ne sa qualcosa l’Argentina, che arriva in Qatar tra le favorite e che per una permanenza più lunga possibile ha preferito i piaceri del palato… alla comodità del lusso di un hotel a cinque stelle.

Qatar 2022, l’Uruguay pensa alla tavola e parte con 900 kg di carne

Secondo quanto svelato dal ‘Daily Mail’, infatti, la Seleccion alloggerà in Qatar in un campus universitario, dal momento che le leggi qatariote non consentono di preparare l’asado, ovvero il tipico barbecue alla sudamericana, all’interno degli hotel di lusso. La stessa scelta è stata fatta dall’Uruguay, ma le federazioni hanno scelto di agire con modalità differenti. Lo staff dell’Uruguay è partito… equipaggiato con quasi una tonnellata (900 kg) di carne e per ottenere il prezioso accompagnamento la federazione uruguaiana ha dovuto stipulare un accordo, con l’Istituto nazionale della carne (INAC).

Qatar 2022, neppure il Brasile non rinuncia alle proprie tradizioni

L’Argentina, prevedendo magari un soggiorno più lungo in Qatar, ha invece portato in Asia oltre 2,5 tonnellate di carne (2630 kg) e del resto sui motivi della propria scelta non ha usato reticenze una fonte della Federcalcio argentina, che ha dichiarato a ‘MailOnline’ come “Abbiamo visitato il campus diverse volte e l’abbiamo scelto perché non solo ha ottime strutture, ma ha anche uno spazio all’aperto per gli asados. Questo è molto importante per i giocatori e per gli argentini in generale, vogliamo far sentire a casa i nostri ragazzi. La nostra squadra è la migliore del mondo e merita la migliore carne bovina. Il nostro obiettivo è vincere la Coppa del Mondo, non ci interessa la qualità dell’hotel in cui alloggiamo”. E il Brasile? Secondo quanto risulta lo staff della Seleçao non ha rinunciato alle proprie tradizioni, partendo con abbondanti quantità di caffè locale e con 30 kg di farina di manioca per cucinare la farofa, il piatto tipico brasiliano. Il percorso per alzare la Coppa inizia a tavola.

Argentina, Dybala e Lautaro si allenano per la prima sfida in Qatar

Guarda il video

Argentina, Dybala e Lautaro si allenano per la prima sfida in Qatar

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Lazio, il programma per l’inverno: ecco quanto durerà la vacanza Successivo Mondiali, Infantino: "Io discriminato come i gay perché italiano e con i capelli rossi"

Lascia un commento