Psg-Real, la partita (doppia) con in palio Mbappé. E una cascata di big

Con il contratto in scadenza a giugno, il campione del mondo può aprire le negoziazioni: Madrid in pole, ma Parigi ha armi per combattere. E da questo scontro dipendono molti altri affari

Da oggi, Kylian Mbappé può trovarsi un’altra maglia, per la prossima stagione. E da oggi, il Psg rischia davvero di perdere senza incassare un solo euro uno dei giocatori più forti del pianeta calcio. Con il contratto in scadenza a giugno, il campione del Mondo francese può infatti aprire le negoziazioni con chiunque si faccia avanti con proposte interessanti.

Ovviamente, la destinazione più probabile è il Real Madrid, che deve solo informare il club dell’emiro del Qatar di voler avviare le discussioni. Un passaggio formale. Ma a Parigi non hanno perso tutte le speranze per un rinnovo, anche se sarebbero al vaglio altre piste da Haaland a Dembélé.

SVOLTA

—  

Nel frattempo, Mbappé sembra non aver fretta. Come dichiarato anche alla Gazzetta, dopo aver vinto a Dubai il premio di miglior giocatore dell’anno, l’attaccante preferisce rimanere concentrato sul campo. In vista degli ottavi di finale di Champions League, proprio contro il Real Madrid. Un appuntamento di svolta, anche se di fatto il Real potrebbe rendere pubblico il negoziato solo per destabilizzare il Psg. A meno che non sia il Psg a rendere noti i dettagli di un rinnovo che potrebbe essere storico. Il club francese infatti già la scorsa estate, -nel pieno della telenovela di mercato quando gli spagnoli formalizzarono una proposta di 180 milioni, arrivando a voce a 200-, potrebbe garantire a Mbappé un ingaggio di oltre 30 milioni netti l’anno. Più di Neymar e Messi. L’idea è di far capire all’attaccante di Bondy di essere davvero al centro del progetto parigino, tenendolo così in vetrina a Parigi almeno nell’anno del Mondiale in Qatar.

ALTERNATIVE

—  

Parallelamente i media francesi e internazionali evocano piste alternative. Oggi l’Equipe scrive che il Psg studia con attenzione la posizione di Dembélé, in scadenza con il Barcellona. L’esterno piace, nonostante i frequenti infortuni. Già nel 2019, quando Neymar sperava di tornare in blaugrana, c’era stato un contatto concreto, ma il francese preferì rimanere in Catalogna. Poi rimane sullo sfondo il nome di Haaland, come evocato da Espn. L’attaccante del Borussia Dortmund è acquistabile con meno di cento milioni e potrebbe compensare almeno in parte, anche mediaticamente, l’addio di Mbappé. Soprattutto se l’agente Raiola decidesse di piazzare a Parigi anche l’altro suo illustre cliente Pogba, con il contratto in scadenza al Manchester United. Da oggi, tutto diventa possibile.

Precedente "Ehi Haaland, dove giochi l'anno prossimo?" E lui, in vacanza, svela la scelta Successivo Sacramento rompe con Mou. E la Roma sceglie come vice-allenatore l'ex Samp Foti

Lascia un commento