Psg, 100 milioni da trovare con le cessioni di Icardi e altri sette. E la volontà di blindare Mbappé

Per il francese pronta un’offerta da capogiro. Tanti i giocatori che potrebbero andarsene: oltre all’argentino, tra gli altri, anche Draxler, Paredes e Kehrer

L’obiettivo è ambizioso. Soprattutto in tempi di Covid, in un settore dove tutti vendono e in pochi comprano. Ma anche il Psg di proprietà dell’emiro del Qatar deve far quadrare i conti, messi in tensione dalla pandemia e pure dagli ingaggi delle sue star. Così, in attesa di capire se Mbappé rinnoverà o meno, entro giugno vanno trovati 100 milioni. A tanto ammonta la quota di cessioni auspicata, secondo l’Equipe che fa il punto sul mercato parigino. Con Icardi primo della lista delle uscite.

Social

—  

L’ex capitano dell’Inter alla fine non ha sfondato. Almeno non in campo, dove ha fatto bella figura nei primi quattro mesi, segnando a raffica, salvo poi arenarsi tra incomprensioni con gli allenatori, Tuchel prima, Pochettino poi. Insomma, Icardi fa ormai il panchinaro, da vice di lusso dei vari Messi, Neymar e Mbappé, visti i 50 milioni pagati dal Psg. Il club ufficiosamente lo aveva già messo sul mercato la scorsa primavera, sperando di trovare acquirenti per l’estate. Ma la moglie agente Wanda si era opposta. Per l’Equipe però la situazione potrebbe evolvere nelle prossime settimane, magari proprio sul fronte italiano, dove pure Nara avrebbe più sbocchi professionali rispetto alla Francia, dove non è ancora riuscita ad imporsi a livello mediatico. Da capire poi quali squadre potrebbero confermare la fiducia a un attaccante che ultimamente ha fatto parlare di sé più sui social che in campo.

Altri

—  

Mentre il Psg poi deve convincere i suoi giocatori a lasciare Parigi, dove godono di condizioni di lavoro e ingaggio privilegiate rispetto a molti altri club. In uscita, comunque c’è anche Paredes, titolare a singhiozzo, che potrebbe essere ceduto, ma solo in caso di offerte interessanti. Il Psg l’aveva pagato ben 40 milioni due anni fa. Fuori dai piani di Pochettino è il terzino sinistro Kurzawa, chiuso da Bernat e Mendes, e ora obiettivo della Lazio. L’innesto estivo di Hakimi ha ridotto ai minimi termini le prospettive di Dagba, pure lui sul mercato, come il centrale Kehrer. Mentre il Milan soppesa il profilo di Diallo, difensore centrale che può coprire anche il corridoio sinistro. Secondo l’Equipe però i rossoneri si muoveranno solo a fine sessione e magari con offerte al ribasso. Si cercano sbocchi anche per Draxler, nonostante il recente rinnovo fino al 2024. E non è sicuro di restare l’altro mediano Pereira, arrivato solo un anno fa. E ancora meno il portiere Rico, chiuso da Navas e Donnarumma, e scavalcabile anche dal giovane italiano Franchi.

Rinnovo

—  

Sul fronte Mbappé, anche per l’Equipe, non ci sono grandi novità, almeno in apparenza. Il giocatore preferisce non prendere posizione per il momento, privilegiando il campo. Nei giorni scorsi il d.s. Leonardo ha confermato che il dialogo continua a rimanere aperto con il clan dell’attaccante, e con esso le speranze di un rinnovo oltre la scadenza di giugno. Il Psg vuole fare di Mbappé la sua stella di riferimento e sarebbe pronto a garantirgli l’ingaggio più elevato, pagandolo anche più di Neymar e Messi, oltre i 30 milioni di euro a stagione. Un motivo in più per far cassa a gennaio.

Precedente Milan, il casting di Maldini tra Sven l’anti-Ibra, Abdou lo scrittore e l’Attila ungherese Successivo Europa League, gli accoppiamenti agli spareggi: il Napoli col Barça. Tosta per Lazio e Atalanta

Lascia un commento