Primo maggio, festa dello sport: quando la classe operaia va in gol

Il giorno dedicato ai lavoratori è l’occasione per ripercorrere l’evoluzione di calcio, tennis, pugilato, basket e via via tutti gli altri dalle classi nobili a quelle più umili

Sostiene Jorge Valdano che il calcio è la sola cosa che i poveri hanno rubato ai ricchi. Era nato separandosi dal rugby in Gran Bretagna, dove di sport ne hanno inventati molti, quasi tutti con un spirito elitario dentro il mondo delle università, per il piacere dell’alta borghesia.

Precedente Niente riposo per Kessie e Theo: Pioli chiede uno sforzo ai suoi fedelissimi Successivo GRIGLIA DI PARTENZA MOTOGP/ Yamaha vs Ducati: che sfida a Jerez!

Lascia un commento