Primavera, l’Empoli agguanta il secondo posto: 2-0 alla Fiorentina

ROMA – La nona giornata del campionato Primavera vede l’Empoli trionfare sulla Fiorentina, agganciando al secondo posto dietro la Roma proprio i viola. Nelle altre sfide del sabato il Sassuolo batte 1-0 l’Inter (seconda sconfitta di fila per i nerazzurri) e la Sampdoria aggiudicarsi il derby col Genoa raggiungendo i rivali cittadini a quota 13 punti.

Genoa-Sampdoria 2-4

Il derby si accende subito: il Genoa passa in vantaggio al 1′ con Gjini che riceve palla davanti al portiere avversario Saio e lo batte. Ma già al 5′ è gia parità con la rete di testa di Di Stefano su cross di Montevago. Gara che resta viva: se il Genoa al 14′ ha l’occasione del raddoppio con Boci (la difesa rimedia), la Samp ci prova due minuti dopo con Montevago. E sarà proprio quest’ultimo, al 18′ a mettere dentro di testa il sorpasso blucerchiato su cross di Malagrida. Al 27′ il tris della Sampdoria: Paoletti dal limite la mette all’angolino basso, 1-3. Nella ripresa, al 17′, arriva il poker della Sampdoria: Gjini, in area, intercetta il pallone con la mano, è calcio di rigore che viene trasformato da Aquino. Il Genoa reagisce e torna in carreggiata al 24′ con Sahli. Poi la Samp ha anche l’occasione di andare a bersaglio per la quinta volta ma il portiere genoano Corci si oppone, nella stessa azione, dapprima a Pozzato, poi a Di Stefano e infine Paoletti conclude fuori.  

Sassuolo-Inter 1-0

L’Inter prova il primo affondo con Carboni al 6′, ma quest’ultimo è chiuso al momento del cross. Il Sassuolo prova a farsi vedere all’8′ con un colpo di testa di Samele che però colpisce male, con la sfera che termina sul fondo senza creare problemi a Rovida. L’Inter spinge e all’11’ Peschetola viene messo giù in area, l’arbitro Moriconi fa proseguire. Al 21’ buona ripartenza dell’Inter con Carboni, che mette un cross interessante, sul quale Abiuso non riesce a girare verso la porta. Il Sassuolo riponde con Mata ma dal limite dell’area calcia alto. Il Sassuolo spinge e crea occasioni. Al 33′  è Zenelaj di sinistro a calciare alto dopo un corner. L’Inter non riesce a rispondere nel migliore dei modi e così al 42′ i neroverdi vanno vicinissimi al vantaggio:  Daniels, smarcato da un traversone, completamente solo in area, calcia di prima intenzione sbucciando il pallone e facendolo finire senza problemi tra le braccia di Rovida. Preludio al gol che arriva in pieno recupero di frazione con Samele che sugli sviluppi dell‘ennesimo corner, è il più lesto ad anticipare tutti sul primo palo e sbloccare il match. La ripresa si apre subito con i padroni casa pericolosi su calcio d’angolo con Flamingo.  Al 56′ ancora emiliani vicinissimi al raddoppio da palla inattiva, ma il gol è negato da un arriva un salvataggio sulla linea di Sangalli. Poi l’Inter va a sprazzi e solo in poche circostanze è pericoloso: al minuto 63 Grygar infatti, recupera un pallone sulla trequarti, lancia Peschetola, ma Macchioni fa un grandissimo intervento e salva tutto. Nel finale l’Inter cerca il tutto per tutto, sfiorando però solo il gol, perchè il portiere di casa Zacchi è insuperabile. Finisce 1-0.

Empoli-Fiorentina 2-0

Nel giro di 5’ i padroni di casa trovano le due reti che decidono la sfida: al 2’ Villa insacca il perfetto corner disegnato da Asllani, mentre al 5’ la ripartenza di Baldanzi porta al tiro ancora Villa, la cui conclusione è deviata sui piedi di Degli Innocenti che non deve far altro che spingere la palla in rete. I viola hanno l’occasione di riaprire il match al quarto d’ora, grazie al calcio di rigore conquistato da Bianco, il cui cross viene intercettato dalla mano di Degli Innocenti: dal dischetto va Corradini che vede però il suo tiro deviato in angolo da Hvalic. La Fiorentina cresce col passare dei minuti, anche se non riesce a costruire azioni da gol pulite dalle parti di Hvalic. Anzi, a fine primo tempo rischia di prendere il terzo gol su una ripartenza guidata da Asllani e conclusa da Fazzini, il cui tiro è però respinto da Andonov. Anche nel secondo tempo sono i ragazzi di Aquilani a tenere il pallino del gioco, riuscendo a costruire qualche azione più pericolosa rispetto alla prima frazione. Il problema è l’imprecisione sotto porta e i troppi spazi concessi in ripartenza, anche se l’Empoli grazia in più di un’occasione gli avversari. L’andamento ondivago tra attacchi dell’una e dell’altra squadra prosegue fino al triplice fischio, che permette ai padroni di casa esultare grazie ai due gol realizzati in apertura di match.

Precedente Primavera, la Sampdoria fa suo il derby: Genoa battuto 4-2 Successivo Allegri: "Pensavo la Lazio facesse l'80% di possesso palla"

Lascia un commento