Primavera, Lazio-Sampdoria 1-4. Manita Fiorentina, pari Inter

ROMA – La Lazio cade in casa con la Sampdoria, che passa 4-1. Vantaggio lampo dei blucerchiati che al 2′ trovano la rete con una conclusione di Di Stefano. Al 28′ il raddoppio della Samp con una bella conclusione mancina di Prelec, 0-2. Nel finale di prima frazione di gioco la Lazio riesce ad accorciare le distanze con Castigliani che, dopo la rete, dedica il gol allo scomparso compagno di squadra Daniel Guerini. Nella ripresa la Sampdoria chiude la pratica con il tris al 22′, messo a segno da Di Stefano, e il poker di Prelec al 34′. 

Fiorentina-Ascoli 5-2

La Fiorentina batte l’Ascoli 5-2. Gara che si accende subito: al 7′ Spalluto si procura un rigore, trasformato da Fiorini, viola in vantaggio. Al 9′ pari immediato dell’Ascoli con Intinacelli, ma non c’è tempo di esultare che all’11’ una sfortunata carambola colpisce, dopo la traversa di Neri, la schiena di Bolletta e la palla termina nella rete ascolana, autogol e 2-1. Prima dell’intervallo arriva la doppietta di Spalluto (23′ e 28′), che cala il tris personale al 10′ della seconda frazione, 5-1. Finale incancescente: al 34′ rosso al viola Munteanu, parità numerica ristabilita al 37′ con il rosso a Saggioro che commette fallo da rigore. Dagli 11 metri accorcia Palazzino. Ultimo sussulto al 90′: traversa di Distefano.

Inter-Spal 0-0

Reti inviolate tra Inter e Spal. Nerazzurri pericolosi nel primo tempo al 22′ (Fonseca) e al 24′ (Casadei). Spal che a sua volta cerca il vantaggio al 30′ con Piht, al 33′ e al 35′ con Cuellar e al 38′ con il destro di Attys. Anche nella ripresa i ferraresi vanno a caccia del vantaggio: al pronti via è pericoloso Seck, mentre al 18′, dopo una conclusione murata a Seck, Savona sfiora lo specchio nerazzurro. Al 38′ pericolo in area della Spal: si accende una mischia ma nessun nerazzurro riesce a trovare il corridoio vincente.

Precedente Lazio, ci pensa sempre Caicedo: Spezia battuto su rigore all’89’ Successivo Fonseca: "Sorpreso dal pari, merito del Sassuolo. Crediamo al quarto posto"

Lascia un commento