Premier, federcalcio brasiliana chiede stop per i giocatori negati

La Federcalcio brasiliana ha inviato una richiesta alla Fifa per impedire a Liverpool, Manchester United e City, Leeds e Chelsea di schierare i giocatori verdeoro che non hanno ricevuto il via libera per partire dall’Inghilterra al fine di partecipare alle partite delle qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022. Alla Fifa è stato chiesto di applicare l’articolo 5 e di far rispettare un periodo di restrizione fra il 10 e il 14 settembre, che porterebbe i giocatori a non scendere in campo con le rispettive squadre di club nel prossimo turno di Premier League e anche nella prima giornata di Champions.

I giocatori del Brasile coinvolti

Gli otto giocatori coinvolti sono Rafinha del Leeds; Fred del Manchester United; Thiago Silva del Chelsea; Ederson e Gabriel Jesus del Manchester City; Alisson, Firmino e Fabinho del Liverpool. Il Brasile non ha chiesto che l’attaccante dell’Everton, Richarlison, non possa giocare contro il Burnley lunedì: la Federcalcio brasiliana sembra avere mostrato clemenza nella fattispecie, poiché l’Everton aveva permesso a Richarlison di giocare ai Giochi olimpici quando i regolamenti non lo obbligavano. In precedenza anche le Federazioni di Messico, Paraguay e Cile si erano mosse per impedire a Raul Jimenez, Miguel Almiron e Francisco Sierralta di giocare nel fine settimana. I club sono stati informati della situazione dalla Fifa e stanno ora valutando la situazione. Il presidente della Fifa, Gianni Infantino, in precedenza, aveva chiesto al Governo del Regno Unito di fornire ai giocatori esenzioni per consentire loro di onorare gli impegni internazionali, anche se ciò significava che si recassero in Paesi della lista rossa.

CorrieredelloSport.fun, nasce il grande gioco dei pronostici. Partecipa gratis e vinci!

Precedente La difesa, il flessore di Chiesa, il jolly Ramsey: i dubbi di Allegri verso Napoli Successivo Cagliari, c'è anche Bellanova: primo allenamento in gruppo

Lascia un commento