Precampionato da titolare: occasione Tonali, così può riprendersi il Milan

Con Kessie all’Olimpiade è il momento di onorare la fiducia ribadita da Maldini e Massara. Per dimostrarsi un patrimonio anche in vista della Coppa d’Africa di febbraio

Nel futuro di Sandro Tonali c’è una parola che ora brilla forte, fondamentale, illuminata con le luci a neon come le insegne di Times Square: occasione. Con Kessie all’Olimpiade e un quarto mediano ancora nell’ombra, il ragazzo di Lodi può alzare la testa e dire a Pioli che può contare su di lui. “La mia crescita sarà quest’anno”. I titolari sono Bennacer e l’ivoriano, il tandem perfetto non si tocca, ma dietro di loro scalpita Tonali, fresco di riscatto dal Brescia e reduce da una stagione di alti e bassi. Trentasette partite, ma anche diverse pause. Maldini e Massara, però, hanno risposto con i fatti: investimento e fiducia.

STIMA

—  

Il test con la Pro Sesto è stato convincente. Squadra di Serie C, calcio di luglio, ma Tonali ha giocato 45’ a buon livello nel 6-0 rossonero, telecomandato da Pioli a bordocampo. “Copri”, “avanza”, “stai basso”. “Allarga il gioco”. Consigli e dritte che sanno di stima, fiducia, immutata da sempre. Nonostante un paio di stilettate pungenti, ma a fin di bene: “Nel calcio o mangi o vieni mangiato”. Tonali vuole prendersi tutto. In fondo ha 21 anni, la fame del giovane talento e la nomea di predestinato. Pende sulla testa da anni. Mister Boscaglia, il primo a crederci ai tempi del Brescia, disse che Sandro aveva “la testa di un 50enne nel corpo di un 17enne”. L’anno scorso ha vissuto una stagione di alti e bassi, ma a casa Milan non hanno mai pensato di lasciarlo andare. Ora cerca il riscatto.

OCCASIONE

—  

Con Kessié a Tokyo, Tonali giocherà titolare nel precampionato. Sabato c’è il Modena, altra squadra di C, ore 17 a Milanello. Una nuova occasione per far convincere Pioli. C’è di più: a gennaio ci sarà la Coppa d’Africa, quindi Kessie e Bennacer lasceranno Milano per un po’ lasciando scoperta la mediana. Tonali prenderà il posto dell’algerino insieme a un quarto ancora avvolto nel mistero. Pobega intriga, potrebbe restare, ma la società si sta guardando intorno (piace Bakayoko, già al Milan con Gattuso nel 2018-19, 42 partite e un gol). Sandro è un patrimonio della società e vuole dimostrare di essere da Milan: “Giocare 37 partite qui è come farne cento da un’altra parte”. Il prossimo anno ci sarà la Champions, quindi più spazio. Più competizione. Serve la testa del 50enne.

Precedente Classe, serietà, carattere. Sarà questo l’anno di Tonali? Successivo Juve-Pjanic, maratona estiva per il ritorno. E lui manda segnali

Lascia un commento