Pogba, ecco cosa c’è dietro la scelta di non operarsi. Il problema non è solo il Mondiale

Il club ha deciso di non forzare la mano nonostante l’indicazione unanime dei consulti: la terapia conservativa scelta può eliminare il dolore ma non la lesione al menisco, il recupero è un’incognita. Sulla scelta pesa anche il parere dell’osteopata di fiducia del francese

Non è un mistero che ci fosse una diversa convenienza, tra Paul Pogba e la Juventus, tra le varie soluzioni che c’erano sul tavolo per la miglior strategia di recupero dalla lesione al menisco del ginocchio destro del Polpo. In questi casi è normale che sia il giocatore ad avere l’ultima parola, trattandosi della sua salute, e per questo la decisione finale sulla volontà di percorrere la strada più soft è arrivata senza strappi. Ma, inevitabilmente, dopo essersi a lungo cercati e appena riabbracciati per celebrare il matrimonio-bis, questa scelta e quel che ne conseguirà sono la prima occasione per mettere alla prova la fiducia reciproca di un rapporto ritrovato.

Precedente Nestorovski: "Udinese nel cuore. Italia-Macedonia? Ci avete sottovalutati..." Successivo Serie D, Catania ammesso in sovrannumero

Lascia un commento