Pirlo legge l’attacco Juve: “Gioca Dybala. Il boom di Morata? Preso per questo”

L’allenatore bianconero alla vigilia della sfida contro il Verona: “Ronaldo? Non sappiamo ancora nulla. Stiamo lavorando su Bernardeschi a tutta fascia”

Meno uno alla sfida con il Verona, che arriva dopo i due pareggi tra Roma e Crotone (con in mezzo la vittoria a tavolino sul Napoli), e meno cinque a Juventus-Barcellona, con la certezza dei tre punti conquistati nella prima del girone di Champions e l’incertezza legata a Cristiano Ronaldo: “Non sappiamo ancora nulla – spiega Andrea Pirlo in conferenza stampa – al momento non ci sono novità. Aspettiamo i tamponi, li ha fatti anche lui a casa, come noi ieri, in ogni caso domani difficilmente potrebbe giocare, perché dopo il tampone negativo deve fare la visita d’idoneità. McKennie invece, che ha avuto il tampone negativo ieri, sarà disponibile”.

LA NUOVA COPPIA

—  

Pirlo stavolta non fa pretattica e lancia Dybala e Morata dal primo minuto. Semmai il dubbio è sulla trequarti, tra Ramsey e Kulusevski: “Domani Dybala gioca e non ho avuto alcun bisogno di pungolarlo. Ha avuto problemi fisici e poco tempo per mettere benzina nelle gambe. Martedì a Kiev ha fatto un po’ di minuti e ora è pronto. Alvaro lo abbiamo comprato perché è un giocatore forte, la sua ottima partenza non mi stupisce, sapevamo che poteva darci diverse soluzioni. Con Dybala si conoscono molto bene, hanno giocato insieme già un anno alla Juve e spetterà a loro trovare le soluzioni migliori durante la partita. In Spagna Alvaro era abituato a giocare molto in fase difensiva e avere poi 70 metri di campo davanti, per noi invece deve essere sempre a disposizione del gioco, mettendosi bene con il corpo per capire dove viene la pressione per liberarsi dall’altra”.

ASPETTANDO DE LIGT

—  

Con il Verona mancheranno Chiellini, out una decina di giorni, e ancora Alex Sandro: “Alex è in via di recupero, piano piano sta ritrovando la forma migliore. Meglio non accelerare fino alla prossima sosta”. Buone notizie invece da De Ligt, reduce da un intervento alla spalla: “Sta bene mentalmente e fisicamente ma serve il via libera dell’ortopedico”.

BERNA A TUTTA FASCIA

—  

Con Alex Sandro in infermeria e Chiesa squalificato, c’è un buco a sinistra. La soluzione potrebbe essere Bernardeschi, in ballottaggio con Frabotta: “Bernardeschi rientra da un infortunio. Alla Fiorentina ha già giocato a tutta fascia, ci stiamo lavorando e sono sicuro che potrà essere una buona risorsa”.

SENZA PUBBLICO CAMBIA

—  

I tre punti di Kiev hanno portato fiducia e il tecnico non nasconde che giocare senza pubblico è più difficile: “Ci siamo ritornati bene dopo la Coppa, abbiamo avuto tempo per scaricare. Questo campionato si gioca in una situazione surreale, ma lo sapevamo già. A Kiev con 20 mila persone sembrava che ci fosse cambiato il mondo. Stare un po’ in quarantena non mi è dispiaciuto, mi ha permesso di avere di più i ragazzi a disposizione e amalgamare il gruppo”.

Precedente Super Samp a Bergamo, Ranieri cala il tris e vince: alla Dea non basta Zapata Successivo Diretta Juve-Verona ore 20.45: probabili formazioni, come vederla in tv e streaming

Lascia un commento