Pirlo, con la Spal largo ai giovani: ecco Di Pardo e Dragusin?

Contro l’unica squadra di serie B rimasta in lizza, il tecnico potrebbe regalare al centrocampista il debutto stagionale, e offrire una nuova vetrina al difensore. Turno di riposo anche per CR7

Il mercoledì bianconero è dedicato alla coppa Italia, in una stagione tritatutto che ha già mandato in archivio il contenuto dell’ultima settimana, dalla sconfitta con l’Inter di domenica scorsa, al successo in Supercoppa contro il Napoli, al ritorno alla vittoria in campionato, ieri col Bologna.

Turnover

—  

E’ un po’ presto per avere una visione già definita di quelle che saranno le scelte di Pirlo verso la Spal, unica squadra di B rimasta in lizza ai quarti di Coppa Italia, e poi c’è ancora l’esito del tampone di Alex Sandro a tenere in sospeso i giochi fino alla fine. Ma intanto si può fare qualche ipotesi: appare verosimile che l’allenatore bresciano farà un po’ di turnover, anche per dare la possibilità di rifiatare a chi ha giocato di più. Da qui la probabilità che Szczesny, Chiellini, Bonucci, Cuadrado, Arthur, Bentancur e Cristiano Ronaldo possano godere di un turno di riposo.

Ipotesi

—  

Se così sarà, Buffon torna fra i pali, con Demiral, De Ligt e Dragusin in difesa: l’olandese è fresco di rientro da tampone negativizzato ed ha giocato un quarto d’ora scarso col Bologna, mentre il rumeno classe 2002 aveva già disputato la gara col Genoa in coppa Italia, oltre ad aver assaggiato il campionato (sempre contro la squadra rossoblu) e la Champions League (contro la Dinamo Kiev). Nel reparto di mezzo, sulla destra potrebbe esserci l’esordio in maglia bianconera dell’Under 23 Alessandro Di Pardo, classe ’99, che contro il Genoa non giocò perché squalificato, accanto probabilmente a McKennie, Ramsey e Rabiot, con uno fra Bernardeschi e Frabotta sulla sinistra. In attacco spazio a Morata e Kulusevski, con quest’ ultimo squalificato per la prossima gara di campionato con la Samp.

Precedente Il bullismo, la malattia: ora Barak è il simbolo del Verona Successivo L'intrigo dell'ultima settimana di mercato: dove andrà Dzeko?