Pioli: “Vogliamo fare più punti rispetto all’andata. Lotta scudetto? Toglieteci…”

Così l’allenatore del Milan dopo il successo contro la Roma: “Dobbiamo fare la corsa su noi stessi, continuiamo così. Mercato? La società sta lavorando per colmare le nostre lacune”.

Francesco Pietrella

14 gennaio 2024 (modifica il 15 gennaio 2024 | 00:14) – MILANO

Stefano Pioli è la kryptonite di Josè Mourinho. I due si sono affrontati in sei occasioni, tutti in Roma-Milan, e l’allenatore rossonero ha vinto quattro volte e pareggiato due. Dopo la grande prova nella sfida d’andata, i rossoneri hanno sfoggiato un’altra gara di livello. “Bene così”, ha aggiunto Pioli a fine partita, contento e sereno per i tre punti firmati Adli, Theo e Giroud. Nessun accenno alla lotta scudetto, però. “Toglieteci da questo discorso – ammette l’allenatore col sorriso -, dobbiamo fare la corsa su noi stessi e migliorare il girone d’andata, dove abbiamo fatto 39 punti”. 

mercato

—  

Pioli ha rifilato tre reti alla Roma con una bella prestazione: “Dopo il 2-1 la gara si era riaperta, abbiamo avuto la chance per segnare il terzo gol diverse volte e non ci siamo riusciti, ma alla fine è arrivato”. Capitolo mercato. Il Milan è a caccia di un difensore. Dopo il rientro di Gabbia dal prestito, la società sta cercando di puntellare la retroguardia con un altro acquisto: “Il club sa che abbiamo alcune esigenze e sta lavorando per colmare qualche lacuna, vediamo cosa accadrà. Abbiamo avuto diversi infortuni”. 

discorsi

—  

Prima della partita ha parlato Gerry Cardinale. Il patron di RedBird e dei rossoneri si è intrattenuto con la squadra per alcuni minuti. Accanto a lui c’era anche Ibrahimovic: “Il discorso di Cardinale è stato molto bello – continua Pioli – ci ha sostenuto e stimolato, è sempre presente e farà di tutto per migliorare la squadra. E’ ambizioso, ma anche attento alle nostre esigenze. Ribadisco, comunque, che non conosco il budget a disposizione per il mercato di gennaio”. L’ultimo appunto è sulle critiche ricevute: “Non sono nè preoccupato e nè infastidito. Tutti si aspettano da noi grandi prestazioni, in Coppa Italia come in Champions, ma ciò che conta è lavorare con serenità e trovare soluzioni. La stagione è lunga e ci sono ancora molte possibilità. Come ho già detto in settimana ai miei ragazzi, ci teniamo a migliorare il girone d’andata. La testa è già alla prossima partita contro l’Udinese, trasferta ostica e difficile”. 

Precedente Adli-Giroud-Theo, tre moschettieri per il Milan: Pioli respira, per Mou è notte fonda Successivo Il Real Madrid batte il Barcellona e si prende la Supercoppa: rivivi la diretta