Pioli, settimana horror: “Se rimarrò al Milan? Finiamo bene il campionato”

“Ho provato a tirare su il morale ai giocatori. È una sconfitta pesante, ho cercato di consolari il più possibile”.  Sono le parole di Stefano Pioli al termine del match contro l’Inter di Simone Inzaghi, che ha visto i rossoneri uscire sconfitti con il risultato di 2-1. Il Milan resta dunque fermo a quota 69 punti, a 5 lunghezze sulla Juve che affronterà nell’incontro in programma sabato 27. Allo Stadium non ci saranno Theo Hernandez e Calabria, espulsi nel corso dei disordini scoppiati in campo nel finale di gara.

“Da quattro anni l’Inter ha la rosa più forte”

“Dobbiamo finire bene il campionato, sabato abbiamo una partita importante. Purtroppo non siamo risuciti a pareggiare nemmeno questo derby – ha dichiarato il tecnico ai microfoni Dazn – . Non sono deluso dal punto vista tattico. La nostra priorità era preparare la partita e cercare di togliere la parità numerica nei due contro due offensivi, di non essere troppo alti e trovare spazi per le ripartenze”.

“L’Inter nel primo tempo ci ha fatto male sul calcio d’angolo e poi con le ripartenze. È inevitabile che provando a fare la partita poi qualcosa concedi. La realtà è che volevamo difendere piu bassi per non concedere quello che è successo con il secondo gol, che ci ha complicato ancora di più la partita. Abbiamo lottato con grande volontà. Ci è mancato quel pizzico di fortuna per il pareggio, perché le occasioni le abbiamo create”.

“Loro hanno fatto un campionato eccezionale perdendo solo una partita e quasi per sbaglio. Sono quattro anni che hanno la rosa piu forte della Serie A. Se la differenza tra l’Inter e le altre squadre è così, significa che loro sono veramente forti e che tutti gli altri dovranno fare dei passi avanti. Noi compresi”.

“Le partite con la Roma non sono state quelle ci aspettavamo, ci siamo bloccati e abbiamo mancato un obettivo in cui credevamo. Fine di un ciclo? Non saprei. Inzaghi un anno fa sembrava non dico da buttare ma via ma sicuramente in difficoltà. Io sto bene, e la squadra ha ancora margini di migloramento. Finiamo il campionato e poi faremo le valutazioni che occorre fare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Il segreto di Simone il Campione: fenomenologia di Inzaghi Successivo Chi è El Azzouzi del Bologna: gol in rovesciata alla Roma e provocazione alla Sud