Pioli risponde a Maldini: "Il Milan mi ha sempre sostenuto"

Momento difficile quello che sta attraversando il Milan reduce dal brutto ko contro il Borussia Dortmund che ha quasi compromesso in modo definitivo il cammino Champions dei rossoneri. Ora la squadra di Pioli è chiamata a reagire in campionato dove affronterà il Frosinone.

Pioli: “Gruppo compatto”

In merito il tecnico è intervenuto in conferenza stampa: “È presto per fare dei bilanci. In Champions League abbiamo poche possibilità di superare il girone ma ce la giocheremo a Newcastle. Alla squadra, in merito al campionato, ho detto che mancano tante partite e che se qualcuno pensa di non poter raggiungere Inter e Juventus con ancora 25 gare da giocare è meglio che non si presenti a Milanello. In risposta si sono presentati tutti, anche perché sono pagati per farlo. Io sono convinto che abbiamo un gruppo compatto; soprattutto nei momenti negativi c’é stata compattezza e questa é stata una risorsa in più”.

L’incontro con Cardinale e Furlani

Il tecnico è tornato poi anche sull’incontro avuto a Milanello con il numero uno di RedBird Gerry Cardinale e l’ad Giorgio Furlani: “È stato un incontro positivo e costruttivo. E’ uno stimolo in più per il mio lavoro e di quello della squadra”. 

“Presto emergenza infortuni sarà finita”

Pioli ha fatto poi il punto sugli infortuni: “Gli infortuni? Sono sicuro che a breve miglioreremo e che presto l’emergenza finirà. Domani Kjaer non ci sarà ma lo recupereremo per la partita successiva. Ora siamo in emergenza in avanti e dietro ma abbiamo diverse soluzioni. Siamo concentrati solo sulla gara di domani. Per superare questo momento difficile serve solo vincere, è inutile girarci tanto intorno. Col Frosinone servirà fare una partita seria, vera, con intensità e con qualità. Leao? Faremo di tutto di recuperarlo per la partita contro l’Atalanta“, ha concluso il tecnico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Palle di neve al portiere, partita sospesa: si ride in Conference League Successivo Intervista a Galliani: “Discutere Allegri? Ma di cosa parliamo!”