Pioli, le parole sul futuro: “Non mi dà fastidio che se ne parli”

Pioli parla del suo futuro

Queste le sue parole: “L’unica cosa che mi darebbe fastidio, e non mi sta dando più fastidio niente, è se la squadra non avesse le giuste motivazioni per finire bene il campionato. Poi come sto io non interessa. A fine campionato, quando incontrerò il club, si deciderà il nostro futuro. Poi, per come intendo io la figura dell’allenatore, nel mio ruolo c’è anche fare il parafulmine, proteggere la squadra e proteggere il club: questo non è mai stato un problema per me”.

“Europa League? Ero stato preso in giro quando mettevo l’Atalanta tra le favorite”

Pioli ha continuato: De Ketelaere l’anno scorso era alla prima stagione in un campionato diverso, ha sofferto questa novità. Quest’anno si è trovato con una esperienza superiore in un ruolo più adatto. Se ho mai pensato di cambiargli ruolo? No, perché avevamo altre idee. Ero stato anche preso in giro per aver detto che l’Atalanta fosse una delle favorite. Real-City? Solo un anno fa eravamo arrivati in semifinale di Champions, poi solo l’essere eliminati dall’Inter ha fatto ridurre l’importanza del traguardo. Poi quest’anno abbiamo dimostrato di essere lontani da queste squadre. Ma non voglio andare sul futuro… Quest’anno siamo rimasti lontani da Real e City, poi non siamo lontani da Atalanta e Roma. I rimpianti di quest’anno sono le due partite con la Roma”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Pallone e politica, la serie A dice no alla Covisoc. Furioso il presidente del Coni Malagò ma Abodi tira dritto Successivo L'appello di Muratov: "Papa Francesco convochi Messi al tavolo della Pace"

Lascia un commento