Pioli dopo il ko con la Juve: “Milan a testa alta, non ci sono rimpianti”

MILANO – Stefano Pioli non boccia il suo Milan, battuto 3-1 in casa dalla Juventus, ma ancora primo in classifica in campionato: “La partita è stata equilibrata – le parole dell’allenatore rossonero a Sky – in alcuni momenti hanno fatto meglio di noi, così come noi abbiamo fatto meglio in altri momenti. L’episodio del gol del 2-1 ha indirizzato la gara“. Secondo Pioli sul risultato pesano anche le assenze nel Milan: “Sette assenze sono tante per chiunque, ma non abbiamo perso l’identità, siamo riusciti a essere anche pericolosi. Gli episodi e la qualità degli avversari hanno deciso la partita. Sul 2-1 stavamo forse tenendo meglio il campo di loro. Il secondo gol ha cambiato la partita e da lì abbiamo fatto più fatica“.

Chiesa show e gol di McKennie: ruggito Juve a San Siro, Milan ko

Guarda la gallery

Chiesa show e gol di McKennie: ruggito Juve a San Siro, Milan ko

Pioli: “Nessun rimpianto”

Pioli cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno anche stasera: “Abbiamo certi valori, abbiamo tenuto il campo bene. La Juventus ha vinto nove scudetti, ha grande qualità, ma abbiamo tenuto testa con convinzione e forza. La loro qualità ci ha penalizzato sui gol, anche se potevamo essere più attenti“. Il Milan non perdeva da marzo in campionato: “Era tanto che non vivevamo le brutte sensazioni di una sconfitta, ho dato una pacca sulla spalla ai giocatori, se lo meritavano. Non ci devono essere rimpianti dopo una gara così, a testa alta, la partita l’abbiamo fatta e, tra tre giorni, dobbiamo tornare in campo“. Su Leao dice: “Sta crescendo tanto, stasera ha tenuto sempre in ansia la difesa avversaria. Nella cattiveria può fare passi in avanti, li farà e li sta facnedo. Sta lavorando per la squadra come non aveva mai fatto, è un segno della sua crescita e disponibilità. Ha grandissima potenzialità, continuerà a crescere“. Poi Pioli torna a parlare della squadra nel suo complesso: “Giochiamo ogni singola partita con convinzione, mi auguro di ritornare ad avere più possibilità di scelta e certi giocatori importanti. Il fatto di aver mantenuto l’intensità senza certi giocatori ci deve dare grande convinzione“. Infine un aggiornamento su Ibrahimovic: “Sta meglio, stiamo valutando le sue condizioni per la prossima partita. Credo che contro il Cagliari Zlatan sarà in campo; mentre per sabato, contro il Torino, vedremo. Cercheremo di capire insieme la scelta giusta da fare“.

Precedente Milan-Juve 1-3, il tabellino Successivo Milan-Juve, le pagelle: Leao il migliore tra i rossoneri, 7. Ronaldo, serataccia da 5

Lascia un commento