“Piangevo ogni giorno”: Henry shock, l’ex Juve in lacrime in diretta

LONDRA (Inghilterra)Thierry Henry ha ammesso di aver lottato contro la depressione durante la sua carriera da giocatore e di non essersi sentito attrezzato per affrontare i suoi demoni mentali. La leggenda della Francia e dell’Arsenal ha raccontato a Steven Bartlett nel suo podcast “Diary Of A CEO ” di aver trascorso il lockdown del 2020 a Montreal “piangendo ogni giorno” e ha collegato i suoi problemi a un’infanzia traumatica trascorsa cercando di compiacere suo padre e poi tutta la sua carriera da giocatore cercando di compiacere gli altri, paragonandolo a indossare un “mantello”.

L’infanzia e il rapporto con il padre

Henry, che oggi è il commissario tecnico della nazionale francese Under 21, ha raccontato che suo padre Antoine criticava costantemente le sue prestazioni sul campo di calcio quando era bambino. L’ex attaccante della Juventus ha ricordato una storia di quando, da adolescente, segnò sei gol in una vittoria per 6-0 della sua squadra e tuttavia suo padre non era ancora soddisfatto: “Avevo 15 anni e già si vede se qualcuno è bravo o no. Abbiamo vinto 6-0 e ho segnato sei gol, conoscevo l’emozioni di mio padre e potevo dire se era felice o no Arriviamo in macchina, c’è silenzio. Mi chiedo, devo parlare o non parlare? Eravamo così. Ha detto: “Sei felice?” Dovrei rispondere? “Sì”. “Sì, ma non dovresti esserlo perché hai mancato quel gol, mancato quel cross, qualunque cosa. Siamo arrivati a casa di mia mamma, camminavo così a testa bassa e lei mi ha chiesto: ‘Hai perso?’ Spesso accadeva così.’

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Prima offerta ufficiale del Bayern per Ouedraogo. I bavaresi anticipano il Milan? Successivo Henry, clamorosa rivelazione: "Ho mentito per molto tempo"