Pessotto, lettera in campo a Vialli: “Sei stato la nostra guida, non ti scorderemo mai”

Emozionante messaggio dell’ex compagno prima di Juventus-Udinese. Cori e striscioni tutti per Gianluca

Non è una giornata come le altre allo Stadium. Juventus-Udinese è ritmata dal ricordo di Gianluca Vialli. Il popolo bianconero non dimentica il capitano della Champions 1996, scomparso venerdì a Londra a soli 58 anni. E non lo dimenticano gli ex compagni e il club, uniti nelle parole di Gianluca Pessotto: “Non è una partita come le altre, ci ha lasciato un personaggio, un’icona, fonte di ispirazione – dice Pessotto ai microfoni di Dazn -. Arrivai alla Juventus a 24 anni quando Gianluca era già un’icona del calcio italiano. Fu grande l’emozione di averlo come futuro compagno di squadra, un grande compagno, un trascinatore, un leader. La sua mania di perfezione ci ha contagiato. Al suo fianco, in partita come in allenamento, diventava obbligatorio non sbagliare nulla perché Gianluca pretendeva molto da se stesso e dai compagni e questo è sempre stato il modo migliore per creare una mentalità vincente. È stato un grande uomo squadra, credeva tanto nel valore del collettivo”.

La lettera

—  

Poi Pessotto è sceso in campo, poco prima del calcio d’inizio, per leggere una toccante lettera in uno Stadium ammutolito: “Siamo qui in tanti per farti sapere che non ti dimenticheremo e non smetteremo mai di volerti bene. Sei stato una guida in campo e fuori, compagno, capitano, amico. Non potremo mai scordare la tua sottile ironia, la tua classe, il tuo carisma, la tua tenacia. Le emozioni che ci hai regalato ci mancheranno, così come il tuo sorriso. Siamo in tanti allo stadio per abbracciarti così come lo siamo sempre stati per esultare ad ogni tua prodezza. Ciao capitano, fai buon viaggio, ti vogliamo bene”. “Capitano vero, Vialli eroe bianconero” recita lo striscione esposto dai tifosi all’esterno dell’Allianz Stadium. Dentro solo cori per Luca, lacrime e applausi.

Precedente Salernitana, Nicola è sicuro: “Sarà battaglia contro il Torino, ecco cosa chiedo” Successivo Serie A, stop per l’attaccante: tifosi in ansia

Lascia un commento