Pessina: inserimenti e bonus nel 3-5-2 di Stroppa, può essere un crack

Tornato a casa nel suo Monza, con la giusta libertà può dare tanto sia in campo che nel Fantacampionato, il tutto a un prezzo accessibile

Prosegue la campagna di rafforzamento del Monza che ha messo le mani su Matteo Pessina, centrocampista cresciuto calcisticamente proprio nel capoluogo brianzolo.

Il profilo

—  

Il suo ruolo naturale è quello di trequartista, col compito di finalizzare la manovra. Ma nell’ultimo biennio all’Atalanta è stato spesso utilizzato come interno di centrocampo in grado di dare quantità e qualità al reparto sostituendo o giocando insieme ai vari Freuler e de Roon. Nel 3-5-2 di Stroppa, Pessina può quindi essere quella mezzala offensiva in grado di farsi sentire in zona-gol con inserimenti puntuali (ruolo in cui spesso è stato impiegato dal c.t. Mancini in Nazionale) sfruttando anche le geometrie di Sensi. Nel listone Gazzetta del prossimo Fantacampionato vale 30 crediti, una quotazione simile a quella data a Valoti (30) e leggermente superiore a Sensi (27), compagni di reparto.

I numeri

—  

Ha esordito tra i professionisti giovanissimo, a 16 anni proprio con la maglia del Monza. Tanta C (oltre ai biancorossi anche Lecce, Catania e Como), una spruzzata di B (Spezia) fino all’esordio in massima serie avvenuto proprio con la Dea: decisivo, poi, il passaggio al Verona con Juric, tecnico che ha esaltato le sue caratteristiche (7 reti, ha fatto meglio solo al Como dove ha sfiorato la doppia cifra), nel 2019-20. Ritornato alla Dea, nelle ultime due stagioni è stato meno brillante sotto porta (7 gol ma in 77 presenze tra Champions, Serie A e Coppa Italia) ma ha fatto parte della vincente spedizione azzurra di Euro 2020. Ora il ritorno al Monza dove sarà sicuramente uno degli uomini-simbolo della prima storica stagione in A dei biancorossi.

Perché prenderlo

—  

Pessina è un calciatore di valore per una squadra impegnata nel discorso salvezza e può portare in dote diversi bonus pesanti se utilizzato in maniera propositiva da Stroppa.

Perché non prenderlo

—  

Nell’ultimo triennio ha perso 17 gare per infortunio. Un piccolo campanello d’allarme per i fantallenatori che vogliono puntare su di lui.

Precedente Simeone al Napoli?/ Calciomercato, De Notaris: “È il nome giusto” (esclusiva) Successivo Ceesay, scommessa da 20 gol per il Lecce. Ma li ha segnati in Svizzera...

Lascia un commento